Sulla natura della sanzione ex art. 167 del D.lgs n. 42/2004

16 Giu 2017
16 giugno 2017

Il T.A.R. Catania ha affermato che il titolo su cui si fonda l’imposizione pecuniaria per sanare un abuso paesistico ha carattere di indennità risarcitoria e non di sanzione amministrativa, con conseguente inapplicabilità della disciplina ex art. 28 l.n. 689/1981.

Invero, secondo il Giudice amministrativo siciliano, l’abuso paesistico è da considerarsi illecito permanente sino a che l’Amministrazione non riceve il pagamento della somma determinata ai sensi della succitata norma: nessun termine di prescrizione, pertanto, può decorrere in difetto del saldo da parte del privato.

Il Tribunale ha comunque ritenuto di disporre la compensazione delle spese di lite, dando atto dell’esistenza di un contrasto giurisprudenziale sul punto.

Post di Giorgio Nespoli - avvocato

Read more

Quando è possibile chiudere un ufficio postale?

16 Giu 2017
16 giugno 2017

Il T.A.R. Bolzano, dopo aver ricordato la normativa europea e nazionale in materia di servizio postale, con una articolata sentenza chiarisce quando è possibile e disporre la sua chiusura.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

I termini per la valutazione dell’anomalia non sono perentori

16 Giu 2017
16 giugno 2017

Il T.A.R. afferma che i termini di valutazione dell’anomia dell’offerta non hanno carattere perentorio.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Si può inibire la SCIA tramite la PEC

15 Giu 2017
15 giugno 2017

Il T.A.R. Bolzano ricorda che, tra P.A. ed imprese, le comunicazioni dovrebbero essere fatte esclusivamente per via telematica. Pertanto è legittima l’inibitoria della SCIA commerciale inviata regolarmente dal Comune all’impresa tramite PEC anche se quest’ultima, per scarsa padronanza dei mezzi tecnologici, non l’ha visonata tempestivamente.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

La liberalizzazione del commercio non fa decadere il vincolo di un locale a caffè storico

15 Giu 2017
15 giugno 2017

Segnaliamo una sentenza del TAR Veneto che afferma che il vincolo a caffè assegnato dal PRG a un locale storico non viene meno per effetto della liberalizzazione del commercio imposto dalla normativa comunitaria.

Post di Dario Meneguzzo - avvocato

Read more

Il piano acustico non può collocare in II classe una centrale idroelettrica

15 Giu 2017
15 giugno 2017

Il proprietario di una centrale idroelettrica ha impugnato il Piano comunale di classificazione acustica, chiedendone l’annullamento nella parte in cui non accoglie le proprie osservazioni e attribuisce ai relativi impianti idroelettrici la II^ classe acustica, anziché la V^ o addirittura la VI^ classe e il TAR Trieste ha accolto il ricorso.

Tale classificazione e i connessi limiti di rumore sono, infatti, incompatibili con il tipo di attività produttiva svolta.

La II^ classe acustica comporta, ai sensi del D.P.C.M. 14.11.1997 (emanato in attuazione della Legge quadro sull’inquinamento acustico, n. 447/1995), quali limiti di emissione sonora 50 dBA nel periodo diurno e 40 dBA nel periodo notturno, quali limiti di immissione sonora 55 dBA nel periodo diurno e 45 dBA nel periodo notturno, e quali valori di qualità 52 dBA nel periodo diurno e 42 dBA nel periodo notturno. Detta classe, sempre a mente del precitato D.P.C.M., è destinata alla aree a prevalente uso residenziale, in particolare alle «aree urbane interessate prevalentemente da traffico veicolare locale, con bassa densità di popolazione, con limitata presenza di attività commerciali ed assenza di attività industriali e artigianali».

Read more

Ricorso giurisdizionale e ricorso gerarchico

15 Giu 2017
15 giugno 2017

Il T.A.R. M ilano afferma che nell’impugnativa giurisdizionale avverso il ricorso gerarchico non si possono far valere nuovi motivi di diritto, salvo che il termine per l’impugnazione amministrativa non sia ancora decorso.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Quando si deve impugnare il parere della Commissione Edilizia?

14 Giu 2017
14 giugno 2017

Il T.A.R. ricorda, in quali casi, si deve impugnare tempestivamente anche il parere negativo della Commissione Edilizia.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Opere di interesse generale: vincolo conformativi ed espropriativo

14 Giu 2017
14 giugno 2017

Il T.A.R. Bolzano ricorda quando un vincolo finalizzato a realizzare attrezzature di interesse pubblico abbia natura confermativa od espropriativa: se il privato, da solo od assieme all’Amministrazione comuanle, può comunque realizzare le opere, non sussiste la natura espropriativa del vincolo.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Provincia ed impianto di smaltimento rifiuti

14 Giu 2017
14 giugno 2017

Il T.A.R. Veneto si occupa della L.R. Veneto n. 3/2000 soffermandosi suoi poteri della conferenza di servizi in essa prevista.

Nella sentenza che si commenta la Provincia di Padova, nell’esercizio della competenza affidatagli dall’art. 6, comma 1 lett b) punto 3 della L.R.V. n. 3 del 2000, aveva autorizzato, con effetto di variante urbanistica, l’ampliamento e il potenziamento dell’impianto di recupero rifiuti sito nel Comune di Massanzago, nonostante il dissenso espresso dal Comune nell’ambito della Conferenza dei servizi convocata ex art. 23 lett c) L.R.V. 3/2000.

Il T.A.R., pur dando atto di due distinti filoni giurisprudenziali, non prende però una chiara posizione sul tema.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more


Hit Counter provided by Los Angeles Windows