Appalti pubblici: conseguenze della mancata indicazione degli oneri per la manodopera e degli oneri per la sicurezza

26 Lug 2018
26 luglio 2018

Il TAR Palermo ha affermato che costituisce causa di esclusione dalla gara, senza possibilità di soccorso istruttorio, la mancata indicazione degli oneri per la manodopera e degli oneri per la sicurezza nell’offerta economica, invero sottolineando la maggior gravità del primo inadempimento rispetto al secondo.

È la sentenza stessa a ricordare che il Consiglio di Stato e il Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana hanno risolto questioni analoghe in termini diversi e più articolati.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Read more

La Corte dei Diritti dell’Uomo censura la confisca degli “ecomostri” di punta Perotti

25 Lug 2018
25 luglio 2018

La Corte Europei dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo, con la sentenza della Grande Camera 28 giugno 2018, G.I.E.M. s.r.l. e altri c. Italia, ha affermato l’illegittimità convenzionale del provvedimento di confisca delle costruzioni di Punta Perotti, inflitto dalla Corte di Cassazione, in parallelo ad una sentenza definitiva di assoluzione degli autori della lottizzazione illecita.

Pubblichiamo sulla questione una nota del dott. Alberto Antico e della dott.sa Alessandra Piola, che sentitamente ringraziamo

commento della sentenza CEDU su Punta Perotti

Ammissibilità della cessione di cubatura tra fondi

25 Lug 2018
25 luglio 2018

Il TAR Piemonte ha di recente ribadito alcuni principi in materia di diritti edificatori; in particolare, ha analizzato i concetti di contiguità ed omogeneità dei fondi cedente e cessionario, la cui sussistenza consente la cessione di cubatura tra gli stessi. Se con omogeneità si deve intendere l’identità della destinazione di piano dei fondi, rispetto al concetto di contiguità si contrappongono due diversi orientamenti, uno più restrittivo (in cui per “fondo contiguo” si deve intendere solamente il fondo confinante) ed uno più estensivo, quale ragionevole vicinanza tra i due fondi.

Il Giudice Amministrativo, ai fini di trovare una soluzione che soddisfi i contrapposti interessi del favor legislativo per la cessione di cubatura e del rispetto delle prescrizioni di piano e degli equilibri in esso delineati, afferma che non si può prescindere dalla fattispecie concreta. Il che, nel caso di specie, comporta che sia necessario verificare che gli equilibri di piano vengano comunque rispettati dall’acquisto dei diritti edificatori dal proprietario del fondo cessionario.

Ad abundantiam, si ribadisce poi che un diniego di cessione di cubatura fondato sull’esaurimento della volumetria massima assentibile per il fondo è contrario alla stessa logica dei diritti edificatori, i quali sono stati creati appositamente per sopperire a tale problema.

Post di Alessandra Piola – dottoressa in Giurisprudenza

Read more

Occupazione di suolo pubblico e autorizzazioni comunali

24 Lug 2018
24 luglio 2018

Il titolare di un bar, autorizzato dal Comune ad occupare suolo pubblico per realizzare un gazebo, deve necessariamente rispettare non solo le prescrizioni contenute nel titolo autorizzativo, ma anche quanto previsto dal Codice della Strada e dal regolamento comunale.

La pena è la decadenza dell'autorizzazione di tale occupazione.

Post di Diego Giraldo – avvocato

Read more

Clausole escludenti e legittimazione ad impugnare

24 Lug 2018
24 luglio 2018

Il T.A.R. si sofferma sulle c.d. clausole escludenti e sui presupposti giuridici-fattuali che devono sussistere per radicare la legittimazione all’impugnativa di una procedura concorsuale da parte di un soggetto legittimamente escluso.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Ordine di demolizione e pignoramento immobiliare

23 Lug 2018
23 luglio 2018

Recentemente il TAR Piemonte ha ribadito alcuni principi in merito ai rapporti che intercorrono tra il procedimento amministrativo avente ad oggetto la demolizione di un immobile abusivo, e la procedura esecutiva (civilistica) del pignoramento del detto immobile.

Innanzitutto, il Giudice afferma la sussistenza della legittimazione ad agire del creditore procedente, quando l’oggetto del giudizio sia l’immobile pignorato: il pignoramento, infatti, ha costituito un legame qualificato tra il creditore e il bene, nell’ambito di un interesse più specifico rispetto alla garanzia patrimoniale generica di cui all’art. 2740 c.c. Il debitore pignorato (e proprietario) potrà essere un cointeressato nel giudizio, stante il fatto che la titolarità del bene resta in capo a lui.

In ogni caso, comunque, il ricorso viene respinto dal Tribunale: la procedura esecutiva infatti non sana la natura abusiva del bene, e questo anche a prescindere dal fatto che la legge ammetta la vendita di immobili abusivi, i quali di loro avrebbero natura di beni extra commercium. Si tratta infatti di una norma eccezionale, volta a supplire all’inerzia della P.A. nel concludere i propri procedimenti, di modo tale che la mancanza di solerzia dell’Amministrazione non finisca per bloccare sine die i procedimenti esecutivi.

Ribadisce anche il TAR che le finalità perseguite dall’Amministrazione sono avulse dagli interessi dei creditori privati, e che pertanto risultano opponibili a costoro; inoltre, nulla impedisce al debitore pignorato di adempiere all’ordine di demolizione. Difatti nel pignoramento immobiliare, contrariamente al fallimento e al sequestro penale, non vi è alcuna limitazione del potere del debitore-proprietario dell’immobile abusivo anche nel senso di procedere alla demolizione, trattandosi di un ordine immediatamente esecutivo dell’autorità, a cui non è possibile sottrarsi.

Più che un atto di disposizione, di per sé vietato al debitore pignorato, il TAR conclude affermando che l’adempimento dell’ordinanza di demolizione costituisce un atto di diligente conservazione del bene, in quanto ristabilisce il valore economico originario del bene ed evita le ben più gravi conseguenze dell’acquisizione gratuita da parte della P.A.

Post di Alessandra Piola – dottoressa in Giurisprudenza

Read more

Quale titolo occorre per realizzare i divisori interni?

23 Lug 2018
23 luglio 2018

Il T.A.R. Salerno si occupa del titolo edilizio necessario per realizzare i divisori interni: la diversa distribuzione degli ambienti interni che non interessa le parti strutturali dell’edificio costituisce un intervento di manutenzione straordinaria ed è soggetto, quindi, alla CILA; nel caso in cui tale intervento interessi, invece, parti strutturali del fabbricato, la disciplina applicabile è quella della SCIA.

Il T.A.R. sostiene, altresì, che la realizzazione di queste opere in assenza dei rispettivi titoli abilitanti comporterebbe l’applicazione della sola sanzione pecuniaria.

Ma ne siamo davvero sicuri?

A mio giudizio l’art. 27 del d.P.R. n. 380/2001, in quanto norma di chiusura e di portata generale, dovrebbe trovare applicazione anche in questi casi: se l’opera non è conforme alla normativa urbanistica-edilizia e, quindi, non è sanabile tramite il pagamento della relativa sanzione amministrativa pecuniaria, andrebbe necessariamente demolita perché contra ius, indipendentemente dall'entità della stessa e dal presupposto titolo edilizio.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

I silos non sono volumi tecnici

23 Lug 2018
23 luglio 2018

Il T.A.R. Torino conferma che i silos sono costruzioni e non meri volumi tecnici e, quindi, devono rispettare le norme in materia di altezze e/o distanze.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Come va valutata la c.d. rinuncia irrituale?

21 Lug 2018
21 luglio 2018

Il T.A.R, si sofferma sulla c.d. rinuncia irrituale al ricorso che, come noto, può essere liberamente valutata dal Collegio.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Rapporto ISPRA 2018: il consumo di suolo in Italia

20 Lug 2018
20 luglio 2018

Pubblichiamo lo studio redatto dalla Dott.ssa Alessandra Piola, che ringraziamo, sul rapporto ISPRA 2018 relativo al consumo di suolo in Italia ed, in particolare, nella Regione Veneto.

Condividiamo qui il rapporto recentemente pubblicato dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, e relativo al consumo del suolo in Italia nell’anno 2017.

Alcune considerazioni generali che emergono dalla lettura del Rapporto, ed in particolare del suo Estratto, possono essere così riassunte:

- tra il 2016 ed il 2017 il consumo di suolo in Italia è aumentato, al netto, di 52,1 kmq, dimostrando un’inversione di tendenza rispetto all’ultimo decennio, specie per alcune Regioni d’Italia (tra le quali il Veneto) che sembrerebbero quindi in fase di uscita dalla crisi economica;

- il maggior consumo di suolo si è avuto nei Comuni con meno di 5.000 abitanti, una percentuale che, estesa anche ai Comuni al di sotto dei 20.000 abitanti, risulta essere pari al 71% del consumo di suolo nazionale.

Per quel che invece riguarda più specificatamente la Regione Veneto, si rileva che:

- essa si pone quale seconda Regione in Italia – dopo la Lombardia – per percentuale di suolo consumato (pari al 12,35% del territorio), ma è la prima per incremento rispetto alla superficie artificiale nel corso del 2017 (+0,5%, corrispondente a 1.134 ettari);

- passando alle province in cui si è registrato l’aumento più consistente di consumo del suolo, delle prime sette, quattro sono venete (nell’ordine, Verona, Vicenza, Venezia e Treviso). Inoltre, guardando al consumo del suolo superiore in un anno a 200 ettari ed espresso in termini assoluti, il podio è costituito da Verona, Vicenza e Venezia;

- ad una analisi dei dati relativi ai Comuni, Trissino (VI) risulta essere il terzo Comune in Italia per incremento nel 2017, con 51 ettari in più rispetto all’anno precedente a causa della costruzione di un impianto di laminazione sul fiume Agno Guà. In ogni caso, dei dieci Comuni in Italia che hanno avuto l’incremento maggiore di consumo del suolo, quattro sono veneti (oltre a Trissino, si tratta di Verona, Venezia e S. Michele al Tagliamento);

- dall’altro lato, però, Adria (RO) risulta aver avuto un decremento del suolo artificiale pari a 43 ettari, per il ripristino di un cantiere per la realizzazione di un metanodotto.

Estratto rapporto consumo di suolo

 

 

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows