La datazione degli immobili al fine di stabilire se siano abusivi

17 Mag 2017
17 maggio 2017

Una sentenza del TAR Veneto giudica inattendibili alcune dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà al fine di stabilire se un edificio sia anteriore al 1967.

A mio giudizio la questione della datazione degli edifici (al fine di stabilire se sono oppure no abusivi) merita una rimeditazione: i tribunali pretendono che sia l'interessato a dimostrare la datazione (per lo più si ritiene che basti dimostrare l'anteriorità rispetto al 1967, ma non sempre questo basta).

Però, man mano che passano gli anni diventa sempre più difficile reperire documentazione e anche la memoria storica se ne va (insieme con le persone che potevano saperne qualcosa). 

I latini insegnavano che: "onus probabandi ei incumbit qui agit, non qui negat" (l'onere della prova grava su chi afferma un presupposto, non su chi lo nega); coerentemente  l'articolo 2697 del codice civile stabilisce che: "Chi vuol fare valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento".

Allora, quando è oggettivamente incerta la datazione, perchè deve essere l'interessato a dimostrare che l'immobile risale a un certo periodo? Perchè non si può dire che deve essere il comune, che ritenga l'immobile abusivo, a dovere dimostrare il presupposto dell'abusività, vale a dire la data di realizzazione?

Post di Dario Meneguzzo- avvocato     


Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

Tags: ,
2 replies
  1. Fiorenza Dal Zotto says:

    La questione in effetti è molto complessa e dipende dal tipo e dalla natura degli strumenti urbanistici comunali che vi sono nelle diverse realtà locali. Per cercare di fare chiarezza e dare degli indirizzi, il comune di Spinea ha approvato una delibera che stabilisce alcuni criteri. Per chi fosse interessato, può chiedercela o trovarla sul sito del comune di Spinea . E’ la deliberazione del consiglio comunale n. 151 del 28.11.2013. Fiorenza Dal Zotto

    Rispondi
  2. Fiorenza Dal Zotto says:

    Interessante anche perché conferma la necessità del rispetto del principio della doppia conformità quale presupposto per il rilascio delle sanatorie. Fiorenza Dal Zotto

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Hit Counter provided by Los Angeles Windows