Le distanze legali tra costruzioni devono essere rispettate anche tra corpi di fabbrica di un unico edificio?

08 Nov 2018
8 novembre 2018

Il Consiglio di Stato ha risposto affermativamente, poiché la ratio ispiratrice dell’art. 9 d.m. 1444/1968 è evitare le intercapedini tra fabbricati – non importa se costituenti corpi di fabbrica di un unico edificio – a tutela della salubrità igienico-sanitaria dei luoghi.

Se nel PRG vi fossero delle norme in deroga a tali distanze, esse sarebbero illegittime per violazione del d.m. 1444/1968 (in quanto di stretta attuazione dell’art. 41-quinquies, co. 8 l. 1150/1942).

Da parte sua, la Corte di cassazione ha chiarito che il Giudice di merito, di fronte ad una norma dello strumento urbanistico in contrasto con l’art. 9 d.m. 1444/1968, ha il dovere di disapplicarla e di applicare direttamente le prescrizioni del citato decreto.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows