Quale titolo occorre per realizzare i divisori interni?

23 Lug 2018
23 luglio 2018

Il T.A.R. Salerno si occupa del titolo edilizio necessario per realizzare i divisori interni: la diversa distribuzione degli ambienti interni che non interessa le parti strutturali dell’edificio costituisce un intervento di manutenzione straordinaria ed è soggetto, quindi, alla CILA; nel caso in cui tale intervento interessi, invece, parti strutturali del fabbricato, la disciplina applicabile è quella della SCIA.

Il T.A.R. sostiene, altresì, che la realizzazione di queste opere in assenza dei rispettivi titoli abilitanti comporterebbe l’applicazione della sola sanzione pecuniaria.

Ma ne siamo davvero sicuri?

A mio giudizio l’art. 27 del d.P.R. n. 380/2001, in quanto norma di chiusura e di portata generale, dovrebbe trovare applicazione anche in questi casi: se l’opera non è conforme alla normativa urbanistica-edilizia e, quindi, non è sanabile tramite il pagamento della relativa sanzione amministrativa pecuniaria, andrebbe necessariamente demolita perché contra ius, indipendentemente dall'entità della stessa e dal presupposto titolo edilizio.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

2 replies
  1. Fiorenza Dal Zotto says:

    Ulteriore precisazione: condivido nell’ipotesi in cui le opere realizzate NON siano conformi alle norme urbanistico- edilizie. Se invece SONO conformi, allora trovo corretta la sanzione pecuniaria che varierà’ a seconda del corrispondente titolo/ procedimento necessario x l’esecuzione dell’opera (cila, scia, …)

    Rispondi
  2. Fiorenza Dal Zotto says:

    Condivido, direi che la presentazione di qualsiasi istanza deve avere, come presupposto, la conformità urbanistica, edilizia e anche paesaggistica. Qualora non sia conforme, a mio avviso, deve prevedersi il ripristino. Se cosi non fosse potremmo semplicemente, attraverso il “semplice” pagamento di una sanzione, mantenere opere non conformi, cosa peraltro ammessa in casi specifici, motivati e giustificati solo nei di cui all’ art. 34 del DPR 380/2001 e previo pagamento di sanzioni significative. La questione verrà’ affrontata nel seminario su “abusi e sistema sanzionatorio” che si svolgerà’ a Spinea il prossimo 14 settembre, post sempre su italiaius di qualche giorno fa.

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows