Nel caso di convenzioni urbanistiche anche la domanda di arricchimento senza causa spetta alla giurisdizione amministrativa

13 Lug 2018
13 luglio 2018

L'arricchimento senza causa è disciplinato dall'articolo 2041 del codice civile, che stabilisce che chi si è arricchito senza una giusta causa a danno di un'altra persona, è tenuto, nei limiti dell'arricchimento, a indennizzare quest'ultima della correlativa diminuzione patrimoniale.

L'istituto può venire in rilievo quando il comune in qualche modo impone al soggetto che ha sottoscritto una convenzione urbanistica di eseguire lavori in parte diversi e di valore nel complesso superiore a quello concordato? 

Il TAR Veneto risponde di si e afferma che su tale domanda la giurisdizione spetta al giudice amministrativo e non a quello ordinario.

Post di Daniele Iselle - funzionario comunale


Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows