Anche il condono edilizio del 1985 può essere negato se l’opera viola le distanze e i diritti dei terzi

12 Ott 2017
12 ottobre 2017

Il TAR Pescara precisa che, se l'opera abusiva contrasta coi diritti dei terzi (per esempio per la violazione delle distanze), il comune non ha l'obbligo di rilasciare il condono con la clausola "fatti salvi i diritti dei terzi", ma può respingerlo per evitare di incorrere in responsabilità civile verso i terzi.

Per la possibile rilevanza dei diritti dei terzi sulla legittimazione a chiedere la sanatoria, si veda anche il post successivo. 

Post di Dario Meneguzzo - avvocato


Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

1 reply
  1. Fiorenza Dal Zotto says:

    Buon giorno, questa sentenza pone non pochi problemi!!! Nel condono edilizio – e soprattutto il primo – non ci siamo mai preoccupati del rispetto delle distanze né da codice civile, né da d.m. 1444/1968. La legge era presentata come derogatoria quasi a tutto (ad eccezione, naturalmente, del rispetto dei principi di tutela dei beni culturali e paesaggistici, statici, di iendificabilità assoluta, ecc. insomma quelli insuperabili…. ) Poi nel tempo, le maglie si sono ristrette sempre più, basti vedere cosa è accaduto con l’agibilità delle opere condonate: da automatismo a certificazione che deve avere come presupposto il rispetto delle altezze minime del d.m. 1975. Il problema è che definiamo oggi procedimenti avviati anche negli anni 1985-1986-1987 e oggi , dopo 30 anni, diciamo che non vanno bene perché non rispettano le distanze…. mahhh. e tutti gli altri che abbiamo già rilasciato????

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows