Animali di affezione allo stato libero (cani randagi) e compiti del comune

22 Dic 2017
22 dicembre 2017

Il TAR Catania, decidendo un ricorso in materia di cani randagi, si occupa della definizione di animale di affezione allo stato libero, escludendo che trovi applicazione nel caso esaminato l’art. 925 del codice civile c.c., alla cui stregua “gli animali mansuefatti possono essere inseguiti dal proprietario nel fondo altrui, salvo il diritto del proprietario del fondo a indennità per il danno. Essi appartengono a chi se ne è impossessato, se non sono reclamati entro venti giorni da quando il proprietario ha avuto conoscenza del luogo dove si trovano”.

Il Comune, infatti, pretendeva che i cani non fossero più da considerare allo stato libero (con la conseguenza che non sarebbe spettato al Comune il compito di occuparsene), perchè gironzolavano per un centro, dove probabilmente trovavano anche il cibo.   

Post di Dario Meneguzzo - avvocato 


Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows