L’immobile soggetto a vincolo paesaggistico non può essere demolito e ricostruito tale e quale

05 Set 2018
5 Settembre 2018

Il caso di specie vedeva una concessione edilizia per limitati interventi su un immobile soggetto a vincolo paesaggistico, il quale però è stato demolito e ricostruito, in modo fedele all’originale.

Il Consiglio di Stato ha dichiarato il venir meno della concessione edilizia per inesistenza sopravvenuta dell’immobile: infatti, il vincolo paesaggistico in questione tutelava l’identità storica del bene originario, nella sua irripetibile unicità.

In forza di questo principio – ovvero della infungibilità del “nuovo” edificio, rispetto a quello tutelato – è stato possibile respingere le numerose difese invocate dai privati, responsabili dell’abuso: la qualificazione dell’intervento edilizio come ristrutturazione edilizia; la sanatoria ex art. 97, co. 3 l.r. Veneto 61/1985; la sanatoria per doppia conformità; la sanatoria giurisprudenziale; l’accertamento di compatibilità paesaggistica; la sanatoria ex art. 32, co. 27, lett. d d.l. 269/2003 conv. in l. 326/2003 e ex art. 3, co. 3 l.r. Veneto 21/2004.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows