Se l’area è in parte demaniale, il consenso dell’ente gestore (Consorzio di Bonifica) non basta affinchè il Comune adotti un piano attuativo

27 Mar 2013
27 Marzo 2013

Lo chiarisce la sentenza del TAR Veneto n. 410 del 2013.

Scrive il TAR: "il motivo fondamentale in base al quale è stata negata l’adozione del Piano da parte della Giunta Comunale, è costituito dall’assenza di titolarità in capo alla società ricorrente dell’intera area oggetto del Piano. E’ pacifico, infatti, che all’interno dell’area della lottizzazione vi siano 383 mq. (secondo la ricorrente) o 450 mq. (secondo il Comune) di proprietà demaniale, costituita da uno scolo delle acque lungo la via Chiaviche. Tale mancanza di titolarità non è superabile con lo strumento di cui all’art. 20, 6° comma, LR 11/2004, che prevede l’espropriazione degli eventuali proprietari dissenzienti, non essendo i beni demaniali espropriabili. La società Elena non ha però invocato lo strumento dell’espropriazione, ma si è invece procurata il consenso dell’ente gestore di tale area, ovvero il Consorzio di Bonifica Padana Polesana, per “tombinare” tale area e destinarla a parcheggio. Il Comune ha ritenuto tale soluzione non sufficiente ad integrare il requisito della titolarità dell’area, necessario al fine di attuare una
trasformazione urbanistica. Tale posizione del Comune è pienamente condivisibile, in quanto il requisito della proprietà dell’area da parte del lottizzante non è surrogabile con un nulla osta o un permesso attributivo di una disponibilità pur sempre precaria della stessa. Ebbene, nel caso di
specie, tale area, oggi occupata da un canale di scolo, dovrebbe essere, previa copertura con apposite griglie, destinata a parcheggio, ed è evidente che nell’ipotesi in cui, per un qualsiasi motivo, l’ente proprietario o l’ente gestore ne rivendicasse la disponibilità e tale concessione in uso dovesse venire meno, si verificherebbe un’incongruità a livello urbanistico alla quale il Comune dovrebbe porre rimedio con oneri a proprio carico. Conseguentemente, appare legittima la decisione del Comune di ritenere non sufficiente, ai fini di tale trasformazione urbanistica, una semplice concessione in uso dell’area demaniale interessata dall’intervento".

sentenza TAR Veneto 410 del 2013

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows