Espropriazione di Beni culturali da parte dei comuni: serve l’autorizzazione preventiva del MIBAC

10 Giu 2014
10 Giugno 2014

Il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42  - Codice dei beni culturali e del paesaggio, prevede quanto quanto segue:

"Articolo 95 - Espropriazione di beni culturali

   1.  I  beni culturali immobili e mobili possono essere espropriati dal Ministero per causa di pubblica utilita', quando l'espropriazione risponda  ad  un  importante  interesse a migliorare le condizioni di tutela ai fini della fruizione pubblica dei beni medesimi.
   2.  Il  Ministero  puo'  autorizzare, a richiesta, le regioni, gli altri  enti pubblici territoriali nonche' ogni altro ente ed istituto pubblico  ad  effettuare  l'espropriazione  di cui al comma 1. In tal caso  dichiara  la pubblica utilita' ai fini dell'esproprio e rimette gli atti all'ente interessato per la prosecuzione del procedimento.
   3.  Il  Ministero puo' anche disporre l'espropriazione a favore di persone  giuridiche private senza fine di lucro, curando direttamente il relativo procedimento".

Segnaliamo sul tema la sentenza del TAR Veneto n. 762 del 2014.

Scrive il TAR: "Invero, premesso che è indiscussa la circostanza per cui l’intero complesso, comprensivo degli immobili e del parco circostante, è assoggettato al vincolo di interesse storico-culturale ex D.lgs. 42/2004, così come si ricava direttamente dal decreto di imposizione del vincolo, ne discende che nel caso in esame non poteva essere disattesa la disposizione dettata dal richiamato art. 95, la quale, con particolare riguardo ai beni così configurati, a specifica salvaguardia del vincolo su di essi imposto dal Ministero, richiede che sia quest’ultimo a valutare la possibilità di assoggettare tali beni a vincolo preordinato all’esproprio.

Tale previsione - che ovviamente non preclude ex se l’assoggettabilità ad esproprio di detti beni anche da parte dell’amministrazione comunale – impone tuttavia espressamente al secondo comma che nell’ipotesi in cui gli enti locali intendano procedere all’esproprio di tali beni, ciò venga preventivamente autorizzato dallo stesso Ministero che già li aveva assoggettati al vincolo ex D.lgs. 42/2004, consentendo, una volta dichiarata la pubblica utilità dell’opera, che l’amministrazione locale concluda il relativo procedimento.

Poiché nel caso in esame detto peculiare iter procedimentale non è stato osservato, il ricorso, ferme restando i profili di inammissibilità sopra rilevati, risulta meritevole di accoglimento e quindi va accolto, con conseguente annullamento della delibera n. 6/2014".

geom. Daniele Iselle

sentenza TAR Veneto 762 del 2014

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows