Il conflitto di interessi nella votazione dei piani va autodichiarato o ricercato dalla P.A.?

10 Mar 2014
10 Marzo 2014

Nella medesima sentenza n. 283/2014 il T.A.R. Veneto chiarisce che, in presenza di possibili conflitti di interesse, l’Amministrazione deve solo prendere atto delle dichiarazioni effettuate dai singoli consiglieri, non competendo alla stessa alcun ulteriore onere istruttorio: “4.1 L’esame dell’art. 78 sopra citato contraddice le tesi di parte ricorrente.

Detta disposizione, infatti, non può non essere interpretata nel senso di prevedere che sia lo stesso consigliere a dichiarare l’esistenza del conflitto di interessi potenziale, con l’obbligo di quest’ultimo dal partecipare alle deliberazioni.

4.2 Una volta adempiuto a detto obbligo nessun ulteriore onere è possibile evincere dal testo della disposizione sopra citata nei confronti dell’Amministrazione che, evidentemente, non può essere chiamata a verificare l’esistenza di situazioni di incompatibilità non espressamente dichiarate”. 

dott. Matteo Acquasaliente

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows