I muri di contenimento di terrapieni artificiali sono nuove costruzioni soggette a Permesso di Costruire

08 Ott 2020
8 ottobre 2020

L’ha affermato il TAR Palermo: i privati, che non avevano richiesto alcun titolo abilitativo, obiettavano che i muri di contenimento di terrapieni sono contemplati dal n. 13 dell’Allegato A al d.P.R. 31/2017.

Il TAR ha rigettato l’eccezione, poiché le ipotesi di “liberalizzazione” del citato All. A comportano solo la dispensa dall’autorizzazione paesaggistica, non anche dagli altri e diversi titoli autorizzatori cui quegli interventi siano altrimenti sottoposti (cfr. art. 15 d.P.R. cit.).

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

3 replies
  1. Anonimo says:

    Per cui alla fine vanno plurime analisi: tra ciò che dispensa alcuni interventi dall’autorizzazione paesaggistica e il regime autorizzativo, tenendo anche conto che già lo stesso art. 6 dpr 380/2001 – Attività edilizia libera, pone delle regole, infatti cita al comma 1:

    1. Fatte salve le prescrizioni degli strumenti urbanistici comunali, e comunque nel rispetto delle altre normative di settore aventi incidenza sulla disciplina dell’attività edilizia e, in particolare, delle norme antisismiche, di sicurezza, antincendio, igienico-sanitarie, di quelle relative all’efficienza energetica, di tutela dal rischio idrogeologico, nonché delle disposizioni contenute nel codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42,

    Rispondi
  2. amicididario says:

    Buongiorno,
    nella vicenda specifica, i privati sostenevano che il loro muro di contenimento non richiedesse né il preventivo parere della Soprintendenza, in forza dell’allegato A del d.P.R. 31/2017, né fosse qualificabile come “costruzione” ai sensi di una legge della Regione Sicilia. Se accolta, questa tesi avrebbe comportato l’applicabilità del regime dell’attività edilizia libera.
    Tuttavia, come accennato nel post, l’art. 15 d.P.R. 31/2017 sancisce espressamente che l’Allegato A si occupa solo di dispensare alcuni interventi dall’autorizzazione paesaggistica, ma lascia inalterato ogni altro regime autorizzatorio, specie per quanto riguarda i titoli abilitativi edilizi.
    Rimanendo a disposizione,
    dott. Alberto Antico

    Rispondi
  3. Anonimo says:

    Buon giorno, non ho capito il ragionamento dei privati: tutti gli interventi contemplati nell’allegato A del DpR n. 31/2017,(Interventi ed opere in aree vincolate esclusi dall’autorizzazione paesaggistica), sono automaticamente attività edilizia libera????(art- 6 del DPR n. 380/2001).
    All’inizio c’era pure chi sosteneva che gli interventi contemplati nell’allegato B, si potevano sanare…

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows