Quando i provvedimenti contro la DIA / SCIA sono chiesti dal terzo, la P.A. non ha i limiti dell’autotutela d’ufficio

14 Gen 2016
14 Gennaio 2016

Il TAR afferma che, nel caso in cui i provvedimenti contro una DIA / SCIA siano chiesti dal terzo, una volta accertata l’illiceità dell’intervento, l’Amministrazione ha il dovere d’intervenire per ripristinare la legalità violata, senza che tale azione debba scontare i limiti previsti per le attività di verifica attivate d’ufficio dall’Amministrazione e indicati nell’art. 21 nonies 1° comma, L. 241/1990.

Quindi per l'autotutela non vengono in rilievo: l’esistenza di attuali e concrete ragioni d’interesse pubblico, la comparazione di queste con gli interessi del destinatario del provvedimento e della controinteressata, la tempestività dell’intervento in autotutela.

Post di Dario Meneguzzo - avvocato

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

Tags: ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows