Datio in solutum e convenzioni urbanistiche

30 Giu 2020
30 giugno 2020

Recentemente, il TAR Veneto ha statuito che è possibile, per un Comune, chiedere (ed ottenere) da un privato che si sia impegnato, nell’ambito di una convenzione urbanistica, ad eseguire opere per un certo valore, e che anche solo in parte non vi abbia adempiuto, di eseguire altre opere di pari valore.

Quest’ultima costituisce ipotesi di datio in solutum, tale per cui l’obbligazione originaria si estingue solo nel momento in cui viene eseguita la nuova, seconda prestazione: qualora nemmeno quest’ultima venga eseguita, il Comune può richiedere quale risarcimento del danno il valore di quanto non originariamente eseguito, maggiorato degli interessi.

Post di Alessandra Piola – avvocato

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows