Pianificazione urbanistica ed errata rappresentazione grafica dell’esistente

11 Mag 2022
11 Maggio 2022

Il TAR Veneto sottolinea che l’esistenza di errori di dimensionamento delle superfici e dei volumi non può, di per sé sola, qualificare come illogiche e irrazionali le scelte pianificatorie comunali; peraltro, ricorda che ai sensi della l. R.V. n. 61/1985, lo strumento urbanistico generale deve riportare solamente gli edifici significativi esistenti e le aree ad essi pertinenti, rimandando per ogni descrizione di dettaglio al piano particolareggiato.

Post di Alessandra Piola – avvocato

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

1 reply
  1. Anonimo says:

    Riporto cosa dicono le norme in genere:

    Nell’eventuale contrasto tra elaborati a scala diversa, prevalgono le indicazioni contenute negli
    elaborati a scala maggiormente dettagliata.
    Nel caso di contrasto tra le N.T.O. e il Repertorio normativo (R.N.) prevalgono le disposizioni di
    quest’ultimo.
    Nel caso di contrasto tra la planimetria del P.I. ed i dati derivanti dal rilievo topografico dei luoghi, ai
    fini della istituzione dei vincoli e della definizione esecutiva dei parametri urbanistici ed edilizi
    previsti dal P.I., prevalgono i dati del rilievo topografico.
    Per la definizione esecutiva degli allineamenti e dei perimetri previsti dal PI e conseguentemente, delle
    superfici e del volume edificabile, valgono gli allineamenti e i perimetri ottenuti dal trasferimento
    delle previsioni di cui alla tavola in scala di maggiore dettaglio del PI su cartografia catastale e
    successivo rilievo topografico dell’area interessata dall’intervento.
    In sede di attuazione del PI eventuali errori catastali ed operativi, imprecisioni delle mappe o
    dell’elenco dei proprietari rispetto ai dati reali, non pregiudicano la validità dei vincoli derivanti dal
    piano.
    Ai fini sia dell’applicazione dei vincoli sia della definizione esecutiva delle opere, delle superfici e del
    volume edificabile, i dati derivanti dal rilievo topografico del terreno prevalgono sui perimetri e/o le
    superfici risultanti dalle planimetrie catastali e/o dalle planimetrie del PI.
    Negli elaborati grafici sono rappresentati i limiti delle aree di vincolo (stradale, idraulico, elettrodotto,
    paesaggistico, ecc.): le grafie sono indicative e non costituiscono limite certo; conseguentemente i
    limiti effettivi dovranno essere verificati puntualmente in sede di redazione dei progetti delle opere per
    le varie tipologie di vincolo, anche sulla base delle disposizioni vigenti.
    Nel caso di contrasto tra Relazione e N.T.O. prevale il contenuto di quest’ultimo.
    Nel caso di contrasto tra Relazione ed elaborati grafici prevalgono le previsioni degli elaborati grafici.

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows