Rimedi avverso il silenzio-diniego sull’istanza di accesso agli atti del Comune

09 Gen 2019
9 gennaio 2019

Nel caso di specie una società, di fronte al silenzio-diniego della P.A. rispetto alla propria istanza di accesso agli atti, non proponeva ricorso ex art. 116 c.p.a., ma avanzava una seconda istanza identica alla prima a distanza di mesi, per poi impugnare il secondo silenzio-diniego.

Il TAR Palermo ha chiarito che questo comportamento è da censurare, perché mira a eludere il termine di 30 giorni entro il quale doveva essere impugnato il primo silenzio significativo.

Una nuova istanza avrebbe potuto essere assentibile, solo in caso di nuove circostanze di fatto o di una miglior prospettazione dell’interesse sotteso.

Per risolvere il problema, dato che gli atti in questione sono di un Ente Locale e la loro pubblicità è garantita dall’art. 10 TUEL, il TAR suggerisce alla società di far presentare una nuova istanza da un altro privato.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows