Incidenza del vincolo paesaggistico sul procedimento di condono edilizio

20 Lug 2021
20 luglio 2021

Il TAR Veneto ricorda che l’esistenza di un vincolo paesaggistico su un’area impedisce l’applicazione automatica della disciplina del silenzio-assenso per la pratica di sanatoria: in tale caso, il termine per il consolidarsi del provvedimento di sanatoria in mancanza di pronuncia espressa del Comune deve essere fatto partire dal conseguimento dell’atto di assenso dell’Autorità preposta alla tutela del vincolo.

Post di Alessandra Piola – avvocato

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

1 reply
  1. Anonimo says:

    Buon giorno, da tenere conto anche che l’art. 36 Dpr 380/2001 – Accertamento di conformità –
    al comma 3 dice:
    3. Sulla richiesta di permesso in sanatoria il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale si pronuncia con adeguata motivazione, entro sessanta giorni decorsi i quali la richiesta si intende rifiutata.
    Quindi i 60 giorni partono dal conseguimento dell’atto di assenso dell’Autorità preposta alla tutela del vincolo per intendersi rifiutata??? a me risulta di sanatorie rilasciate anche oltre i 60 giorni, sarebbero in contrasto???

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows