Divieto del criterio del prezzo più basso negli appalti cd. “labour intensive”

03 Set 2020
3 Settembre 2020

In un ricorso in materia di appalti, il ricorrente sosteneva che la Stazione appaltante avrebbe eluso il divieto di impiego del prezzo più basso per gli appalti ad alta intensità di manodopera (cd. labour intensive), posto dall’art. 95, co. 3 d.lgs. 50/2016, poiché a suo dire solo formalmente era scelto il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa (OEPV), ma in realtà si compiva una distribuzione dei punteggi che privilegiava i profili economici attinenti al prezzo offerto, anziché dare preminenza ai profili qualitativi.

Il Consiglio di Stato ha respinto tali rilievi, ponendo utili principi in materia di OEPV.

 Si ringrazia sentitamente il dott. Marco Plechero per la segnalazione.

 

 

 Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

 

 

 

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows