Videoregistrazione del seminario della Associazione Veneta Avvocati Amministrativisti sul decreto semplificazioni

12 Ott 2020
12 ottobre 2020

Pubblichiamo il link alla videoregistrazione (3 ore) del seminario della Associazione Veneta Avvocati Amministrativisti sul decreto semplificazioni, tenuto venerdì 9 ottobre 2020, ringraziando sentitamente l'Associazione e i relatori per la gentile concessione:

AVV. GIULIANO NERI Le novità in tema di procedure di affidamento dei contratti pubblici sopra e sotto soglia

AVV. DOMENICO CHINELLO Le modifiche introdotte dal "Decreto semplificazioni" al Testo Unico dell'Edilizia: la "nuova" ristrutturazione edilizia e le altre novellazioni

AVV. RAFFAELLA RAMPAZZO La riforma dell'art. 10 bis della legge n. 241/1990 e le altre modifiche alla Legge sul procedimento amministrativo

PROF. AVV. CAROLA PAGLIARIN Il nuovo regime della responsabilità erariale: modifica strutturale o disciplina transitoria?

AVV. ELENA FABBRIS Le comunicazioni e notificazioni telematiche nel "Decreto semplificazioni"

AVV. MATTEO CERUTI Le modifiche alla normativa ambientale

https://drive.google.com/file/d/1ktthJq-zIbI8_g5xtUyVjwz87903eXmo/view?usp=sharing

3 replies
  1. Anonimo says:

    Ottimo- grazie Avvocato – in Comune a Campodarsego abbiamo giusto un caso del genere, avevamo già concordato tra colleghi di fare in questo modo. buon lavoro — geom. giglio
    Certo rimane in piede il concetto di aumento di carico urbanistico, che in taluni casi magari visto la poca superficie che si va a cambiare, anche se c’è un salto di categoria, si potrebbe giustificare con il fatto che servono pochi standard….

    Rispondi
  2. DOMENICO CHINELLO says:

    Buongiorno.
    Sono andato a risentire il mio intervento e, purtroppo, in quel punto ci è stato un problema di audio e poi – visti i tempi stretti – siamo passati velocemente all’argomento successivo.
    Quindi, semplicemente non mi sono spiegato bene o non si è sentito.
    Sono perfettamente d’accordo sul fatto che, se il cambio d’uso NON è urbanisticamente rilevante (cioè se non vi è passaggio fra una categoria funzionale ed un’altra) e, in ogni caso (e, cioè, anche a fronte di un mutamento d’uso urbanisticamente rilevante), se NON vi è incremento di carico urbanistico, l’intervento è sempre ammissibile come manutenzione straordinaria.
    Domenico Chinello

    Rispondi
  3. Anonimo says:

    Buon giorno. Se viene chiarito sulla parte attinente alla “manutenzione straordinaria”, il passo in cui si dice: ……….”non comportino mutamenti urbanisticamente rilevanti delle destinazioni d’uso implicanti incremento del carico urbanistico….”, perchè l’Avv. Chinello ritiene che basta il salto di categoria di cui all’art- 23-ter del Dpr n. 380/01, per non potere essere una “manutenzione straordinaria”, nel mentre nell’incontro avuto a Spinea il 25 settembre scorso, l’Avv. Veronese diceva, che doveva anche esserci incremento del carico urbanistico. Classico esempio il cambio d’uso da commerciale ad artigianale, SI, comporta un mutamento urbanisticamente rilevante, ma senza implicare un incremento di carico urbanistico. grazie – geom. giglio

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows