Nei giudizi per la revisione dei prezzi nei contratti pubblici di lavori la giurisdizione è esclusiva

17 Apr 2019
17 aprile 2019

Il TAR Piemonte si è di recente soffermato sulla giurisdizione esclusiva in materia di rinnovo tacito dei contratti pubblici di lavori. In particolare, ha ribadito come tale ambito ricomprenda anche le controversie riguardanti la revisione dei prezzi, sotto l’unico profilo del quantum debeatur.

L’unico limite dell’art. 133, lett. e), n. 2 c.p.a., infatti, sono le controversie riguardanti una specifica prestazione, sia sotto il profilo dell’an sia sotto il profilo del quantum, nel qual caso si ricade nell’adempimento contrattuale, e quindi nei diritti soggettivi.

Post di Alessandra Piola – dottoressa in Giurisprudenza

Read more

Una iniziativa di Etika srl a favore della Fondazione Città della Speranza

17 Apr 2019
17 aprile 2019

La Fondazione Città della Speranza di Padova gestisce un istituto di ricerca pediatrico, fondato nel 1994, oggi centro di riferimento Europeo per la ricerca, specializzato nella cura di leucemie e patologie oncologiche infantili.

Segnaliamo una iniziativa della società Etika srl di San Martino Buon Albergo (VR), attiva nel settore delle coperte e dei materassi, che per il mese di aprile devolve una parte dei propri ricavati alla Fondazione.  

https://www.facebook.com/Etikaitalia/

http://cittadellasperanza.org/

Le slides del convegno sugli appalti del 12 aprile 2019

16 Apr 2019
16 aprile 2019

Pubblichiamo le slides relative a quattro relazioni del convegno sula procedura di infrazione in materia di appalti, ringraziando sentitamente gli autori:

Interventi di edilizia c.d. leggera senza permesso di costruire: rapporti con il reato di costruzione sine titulo ex art. 44, comma 1, lett. b) DPR 380/2001

16 Apr 2019
16 aprile 2019

Gli interventi di ristrutturazione edilizia rientranti nelle ipotesi di cui all'art. 10, comma 1, lett. c) DPR 380/2001, che comportino aumento di unità immobiliari o di superfici utili, non sono più subordinati al rilascio del permesso di costruire. Con la conseguente inapplicabilità a tali ipotesi della fattispecie di reato di cui all'art. 44, comma 1, lett. b) DPR 380/2001, anche retroattivamente ai sensi dell'art. 2, quarto comma, c.p.

Lo afferma la Cassazione penale.

Post di Diego Giraldo – avvocato

Read more

Ordinanza di rimozione dei rifiuti illegittima e risarcimento dei danni

16 Apr 2019
16 aprile 2019

Nel caso di specie, il Comune annullava d’ufficio l’ordinanza di rimozione dei rifiuti impugnata poiché ne riconosceva l’illegittimità.

Il TAR Veneto, preso atto dell’intervenuta autotutela, convertiva l’azione di annullamento del ricorrente in un’azione per l’accertamento dell’illegittimità dell’atto (pacifica, poiché riconosciuta dalla P.A.) ai fini risarcitori, in applicazione dell’art. 34, co. 3 c.p.a.

Si segnala un’interessante precisazione di carattere processuale, compiuta dal TAR: il petitum di annullamento presuppone e contiene logicamente il petitum di accertamento dell’illegittimità dell’atto, cosicché il Giudice può pronunciarsi sul secondo (ai fini risarcitori), anche qualora in capo al ricorrente venga meno l’interesse alla pronuncia sul primo.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Read more

Corso CUOA per aspiranti segretari comunali

16 Apr 2019
16 aprile 2019

Il CUOA organizza un percorso di preparazione per l'accesso al corso-concorso per segretari comunali, 32 incontri, per 160 ore di formazione, nel periodo maggio-settembre 2019.

Gli abbonati a Italiaius possono chiedere al CUOA uno sconto del 10%.

CUOA_Corso Segretari Comunali 2019

Meglio non aspettare il giorno in cui il Comune consente l’accesso agli atti per impugnare il permesso di costruire rilasciato ai vicini

15 Apr 2019
15 aprile 2019

Il T.A.R. di Potenza ha recentemente ribadito il consolidato orientamento giurisprudenziale formatosi sul momento determinante in cui nel privato può dirsi realizzata la piena conoscenza del provvedimento lesivo, ai fini della valutazione della tempestività del ricorso giurisdizionale.

Alcuni privati avevano impugnato il 14.2.2019 il permesso di costruire rilasciato il 10.10.2018 dal Comune ad alcuni vicini per la ristrutturazione dell'immobile, sostenendone la tempestività, in quanto era stato loro consentito l'accesso agli atti solo il 3.1.2019.

Il Giudice potentino ha, di contro, dichiarato l'irricevibilità del ricorso, in quanto i ricorrenti avevano avuto la piena conoscenza della lesività dell'intervento già dall'approntamento del cantiere e dall'esposizione del relativo cartello, indicante la tipologia edilizia dei lavori e la data di inizio  (26.10.2018).

Secondo il T.A.R., la decorrenza del termine decadenziale di impugnazione non implica la conoscenza piena ed integrale del provvedimento stesso, dovendosi invece ritenere che sia sufficiente la conoscenza o la percezione dell’esistenza di un provvedimento amministrativo e degli aspetti che ne possono evidenziare la lesività della sfera giuridica del potenziale ricorrente. In particolare, ha ricordato il Giudice Amministrativo potentivo, richiamando dei precedenti del Consiglio di Stato, la “piena conoscenza” del provvedimento impugnabile non deve essere intesa quale “conoscenza piena ed integrale” del provvedimento stesso, ovvero di eventuali atti endoprocedimentali, la cui illegittimità infici, in via derivata, il provvedimento finale, dovendosi invece ritenere che sia sufficiente ad integrare il concetto la percezione dell’esistenza di un provvedimento amministrativo e degli aspetti che ne rendono evidente la lesività della sfera giuridica del potenziale ricorrente, in modo da rendere percepibile l’attualità dell’interesse ad agire contro di esso.

Post di Giorgio Nespoli - avvocato

Read more

Pareri facoltativi alla Polizia di Stato

15 Apr 2019
15 aprile 2019

Il TAR Piemonte ha recentemente ribadito la possibilità, per un Comune, di richiedere pareri facoltativi, a sua discrezione e a prescindere da un’espressa previsione normativa a riguardo: e questo in forza dell’art. 16 della l. n. 241/1990.

In particolare, non è contestabile la scelta di chiedere un parere facoltativo – e adeguarvisi – alla Polizia di Stato, se oggetto della richiesta è una valutazione relativa alla sicurezza dei cittadini (nel caso di specie, nella loro qualità di sciatori).

Post di Alessandra Piola – dottoressa in Giurisprudenza

Read more

Sulla natura perentoria della durata di validità della V.I.A.

15 Apr 2019
15 aprile 2019

Il T.A.R. Abruzzo, sezione staccata di Pescara, ha stabilito che il termine quinquennale della validità della V.I.A. non può venire sospeso, tanto più per ragioni non previste dalla legge, come la pretesa inerzia di altre Pubbliche Amministrazioni coinvolte nell'iter di approvazione del progetto assentendo.

Secondo il Giudice Amministrativo abruzzese, che pure ha avuto modo di censurare il fatto che l'operatore interessato nemmeno avesse depositato un'istanza di proroga, pur consentita dalla legge, la natura perentoria del termine di cui si discute è imposta dal principio per cui in materia ambientale, attraverso la predeterminazione della durata della valutazione di impatto ambientale, il legislatore ha inteso preservare la tutela del patrimonio ambientale, quale valore supremo di rilievo costituzionale, tenuto conto della sua vulnerabilità, nonché della possibile mutevolezza nel tempo delle condizioni che ne hanno legittimato il rilascio.

É stata così confermata la legittimità del provvedimento regionale con cui era stata archiviata una pratica autorizzativa di un impianto per la produzione di energia eolica, per decorso del termine massimo di durata della V.I.A., alla luce dei principi di cui sopra, a fronte dei quali è risultato irrilevante che il decorso del termine fosse dipeso da fatti non imputabili alla società richiedente.

Post di Giorgio Nespoli - avvocato

Read more

Impugnazione degli della procedura di gara da parte del concorrente escluso

15 Apr 2019
15 aprile 2019

Il TAR Valle d’Aosta si è soffermato di recente sulla questione relativa a quali siano gli atti di una procedura ad evidenza pubblica impugnabili da parte del concorrente escluso dalla medesima.

Viene dapprima ribadito che, nel caso di avvenuta esclusione dalla gara, il soggetto economico deve in primo luogo – e vittoriosamente – contestare la propria mancata ammissione, per poi risultare legittimato a contestare (anche) gli esiti della procedura.

Il che non era quanto avvenuto nel caso di specie: in tale ipotesi, infatti, l’esclusione non era derivata da una mancanza dei requisiti del soggetto (che era stato invece ammesso), ma da una valutazione non positiva della propria offerta tecnica: da cui la possibilità di impugnare direttamente l’aggiudicazione.

Post di Alessandra Piola – dottoressa in Giurisprudenza

Read more

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows