Quando il vicino è legittimato a impugnare la variante urbanistica che riguarda un’area diversa dalla sua

21 Ott 2016
21 Ottobre 2016

Il TAR Veneto, con due sentenze, torna sul criterio della vicinitas, ricordando che, se esso è idoneo a definire la sussistenza di una posizione giuridica qualificata e differenziata in astratto configurabile come interesse legittimo, tuttavia non esaurisce le condizioni necessarie cui è subordinata la legittimazione al ricorso.

In particolare è necessaria la dimostrazione di un effettivo danno, sia esso di carattere patrimoniale o di deterioramento delle condizioni di vita o di peggioramento dei caratteri urbanistici che connotano l’area, e la mera vicinitas non è sufficiente a radicare un interesse al ricorso.

Il TAR afferma che i ricorsi che hanno lo scopo di precludere al controinteressato di conseguire un beneficio anziché di evitare un pregiudizio della posizione della parte ricorrente, hanno natura meramente emulativa e non meritano la tutela giurisdizionale.

La prima sentenza riguarda la variante a un piano di lottizzazione e la seconda l'ampliamento dell'attività esistente con la procedura dello sportello unico.

Post di Dario Meneguzzo - avvocato

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

Tags: ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows