Quando l’aggiudicazione può avvenire con il sorteggio?

26 Mar 2014
26 marzo 2014

Il T.A.R. Veneto, sez. I, nella sentenza del 13 marzo 2014 n. 327, dichiara che, se in una gara da aggiudicarsi con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa vi è una situazione di parità tra i concorrenti, l’aggiudicazione avviene con il sorteggio: “Preliminarmente il Collegio deve scrutinare l’eccezione di inammissibilità del ricorso, avanzata dalla resistente e dal controinteressato, per difetto di interesse del ricorrente, atteso che lo stesso è risultato graduato al secondo posto, pari merito con un altro concorrente ed il Consiglio di Stato, nell’ordinanza n.4333/2013, è dell’opinione che tale evenienza impedisca, in ogni caso, l’aggiudicazione.

Osserva il Collegio che nel caso di specie deve trovare applicazione l’istituto dell’offerta migliorativa, così come contenuta nel regolamento di contabilità generale dello Stato (R.D. n. 827/1924), tutt’ora vigente, indipendentemente dal suo espresso richiamo nei bandi di gara, perché, la citata norma, non è stata abrogata, né implicitamente, né esplicitamente dalla successiva normativa in materia di appalti.

Conseguentemente, nel caso di offerte valutate con stesso punteggio, nella impossibilità di svolgere l’esperimento migliorativo che, comunque, da un lato meglio risponde al principio generale della libera concorrenza e, dall’altro, consente all’amministrazione di ottenere la prestazione oggetto dell’appalto alle migliori condizioni di mercato - l’art. 77 del R.D. n. 827/1924 esclude tale procedura solo “ove nessuno di coloro che fecero offerte uguali sia presente, o i presenti non vogliano migliorare l’offerta” (TAR Sicilia, Sezione III Palermo, 19 gennaio 2007, n. 165) -, la stazione appaltante deve individuare l’aggiudicatario attraverso il sorteggio (cfr. C.G.A. 19 marzo 2002, n. 144 e 15 febbraio 2005, n. 61).

Quindi, rilevato che la ricorrente è stata graduata ex equo con un’altra concorrente, se al momento dell’aggiudicazione, difettassero offerte migliorative, sarà compito della stazione appaltante procedere al sorteggio per individuare l’aggiudicatario”. 

dott. Matteo Acquasaliente

TAR Veneto n. 327 del 2014

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows