Un bando sbagliato per l’affidamento di servizi legali

03 Set 2020
3 Settembre 2020

Il TAR Milano ha censurato plurime clausole del bando di gara con cui un Comune voleva affidare un incarico legale e, segnatamente:

- era richiesto a pena di esclusione che gli avvocati avessero già avuto tra i propri clienti una P.A., ma tale clausola è discriminatoria e irragionevole;

- non erano predeterminate le prestazioni professionali richieste, il che ha impedito di formulare un’offerta ponderata;

- era fissato un compenso fisso indipendentemente dal numero di conteziosi patrocinati, in violazione della legge professionale forense e della legge sull’equo compenso;

- era assegnato un punteggio maggiore agli avvocati che in passato avessero vinto alcune cause in favore di una P.A., ma ciò si pone in contrasto con la legge professionale forense e con la natura di obbligazione di mezzi e non di risultato della prestazione dell’avvocato.

Si ringrazia sentitamente il dott. Marco Plechero per la segnalazione.

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows