Lo spunto del sabato: lo stampo delle mortadelle

30 Ago 2014
30 Agosto 2014

La burla più urticante che dalle mie parti nell'Alto Vicentino veniva talvolta fatta a un adolescente era quella del famigerato "stampo delle mortadelle".

Una persona che il giovane teneva in considerazione per la sua credibilità nella comunità lo convocava e gli diceva che aveva bisogno di un aiuto da parte sua: doveva recarsi a casa di qualcuno che gli veniva indicato e che notoriamente lavorarava la carne del maiale (cosa che in passato molte famiglie della zona facevano in proprio) a prendere lo "stampo delle mortadelle", che gli serviva appunto per fare le mortadelle con la carne del maiale.

E proprio inutile precisare che le mortadelle non si fanno con lo stampo?

Quando il giovane arrivava a casa del  destinatario indicato, questi, capita al volo l'antifona, anche se non si era accordato prima col mittente,  consegnava al malcapitato un sacco ben sigillato contenente un pesante sasso o un incudine. Il giovane tribolava parecchio a recapitare il pesante fardello, ottenendo all'arrivo lodi sperticate dal mittente, che lo elogiava per il meritorio impegno profuso.

Quando poi il giovane tutto fiero tornava a casa per vantarsi con i familiari per l'impresa compiuta, veniva gelato dal padre con la tipica stroncatura vicentina: "ma va là, merlo, sveiate fora, che ormai a te si vecio come il cuco" ("ma va, merlo, svegliati, che ormai sei grande").

La burla  veniva fatta non tanto per ferire il giovane, quanto piuttosto per farlo crescere, perchè si rendesse conto dei rischi che si corrono nella vita quando si è creduloni: il problema è che si veniva beffati proprio da persone nelle quali il giovane  riponeva grande fiducia.

A qualcuno da piccolo i genitori hanno insegnato che nella vita si deve avere fiducia dei giornalisti, dei magistrati e dei governanti.

Dario Meneguzzo - uno a cui (chissà perchè) è tornata in mente la storia dello stampo delle mortadelle

Tags: , ,
3 replies
  1. Stupefatto says:

    “Essere innocenti è pericoloso perché non si hanno alibi.” Boris Makaresko

    Rispondi
  2. fabio says:

    forse era lo stampo delle “martondele” e non della mortadella

    Rispondi
  3. tecnico comunale says:

    E allora la mia statura
    non dispensò più buonumore
    a chi alla sbarra in piedi
    mi diceva Vostro Onore,
    e di affidarli al boia
    fu un piacere del tutto mio,
    prima di genuflettermi
    nell’ora dell’addio
    non conoscendo affatto
    la statura di Dio.
    FDA

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows