Cambio d’uso con opere in zona agricola

25 Gen 2023
25 Gennaio 2023

Il TAR Veneto ha affermato che, in linea generale, l’intervento di modifica di destinazione d’uso con opere è qualificabile come intervento di restauro o risanamento conservativo (cfr. art. 3, co. 1, lett. c d.P.R. 380/2001), dunque esso potrebbe ascriversi agli interventi “sempre consentiti” in zona agricola anche senza che sia presentato piano aziendale, ai sensi dell’art. 44, co. 5 l.r. Veneto 11/2004.

Tuttavia, se detto intervento determina anche il superamento della volumetria residenziale massima ammissibile in zona agricola, è necessario redigere il piano aziendale e sottoporre il progetto anche al parere di AVEPA, per ottenere la verifica dei requisiti soggettivi e l’analisi di quelli oggettivi previsti dall’art. 44, co. 2-4 l.r. cit.

Post di Daniele Iselle

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

3 replies
  1. Anonimo says:

    Cito l’articolo in zona agricola delle nto di un comune:
    a) Sono sempre consentiti gli interventi di cui alle lettere a), b), c), d) dell’art. 3 del D.P.R. 6
    giugno 2001 n° 380 e s.m.i., nonché l’ampliamento di case di abitazione fino ad un limite
    massimo di m3 800, comprensivi dell’esistente purché architettonicamente coerenti con i
    caratteri tipologici e formali dell’edilizia rurale locale.
    L’ampliamento fino ad 800 m3 va riferito all’organismo edilizio, inteso come l’insieme
    dei corpi edilizi anche separati pertinenti alla singola casa di abitazione, e dovrà essere
    realizzato in aderenza al fabbricato o in adiacenza all’eventuale edificato esistente ovvero
    mediante cambio d’uso.
    Gli interventi di ristrutturazione e di ampliamento potranno consentire il ricavo di una
    sola ulteriore unità abitativa;
    PER CUI IL CAMBIO D’USO è’ SEMPRE AMMESSO FINO A 800mc

    Rispondi
  2. Anonimo says:

    Per capire : rimane in vigore l. art. 3, co. 1, lett. c d.P.R. 380/2001, dopo l’entrata in vigore della lr n. 19/2021, che come dice qualcuno, la regione ha finalmente dato attuazione all’art. 10 del dpr 380/2001-???

    Rispondi
  3. Anonimo says:

    Non è possibile che il tar non sappia che è in vigore la lr n. 19-2021 art. 5 sui cambi d’uso-

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows