Cosa succede se la Soprintendenza non esprime (in tempo) il parere nel procedimento per l’autorizzazione paesaggistica?

28 Giu 2021
28 Giugno 2021

L’art. 146, co. 8 d.lgs. 42/2004 prevede che, ai fini del rilascio dell’autorizzazione paesaggistica, debba essere richiesto il parere obbligatorio e vincolante del Soprintendente, da rendersi entro 45 giorni dalla ricezione degli atti. Il successivo comma 9 sancisce che decorsi inutilmente 60 giorni dalla ricezione degli atti da parte del Soprintendente, la P.A. competente provvede comunque sulla domanda di autorizzazione.

In ordine alle conseguenze di un eventuale parere tardivo, si è sviluppato un dibattito giurisprudenziale.

Una prima tesi sostiene che il parere sia espressione di una co-gestione della fase istruttoria tra le Amministrazioni, cosicché il parere tardivo perde il proprio valore vincolante e deve essere autonomamente e motivatamente valutato dalla P.A. preposta al rilascio del titolo.

Ad altra tesi ha aderito il TAR Salerno.

Il parere in esame costituisce espressione di co-gestione attiva del vincolo paesaggistico. Si applica perciò l’art. 17-bis l. 241/1990 (cd. silenzio-assenso tra Amministrazioni pubbliche), il quale opera in tutti i casi di decisione “pluristrutturata”, cioè in cui la decisione finale da parte della P.A. procedente richiede per legge l’assenso vincolante di altra Amministrazione. Ai sensi di detta norma, il silenzio dell’Amministrazione interpellata è equiparato ope legis a un atto di assenso e consente alla P.A. procedente l’adozione del provvedimento conclusivo. Il parere reso tardivamente resterebbe inefficace, come espressamente previsto dall’art. 2, co. 8-bis l. 241/1990 (introdotto dalla l. 120/2020).

Post di Daniele Iselle – funzionario comunale

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

2 replies
  1. Alberto says:

    cosa succede se il primo parere alla richiesta di compatibilità paesaggistica è negativo da parte della Commissione paesaggio comunale… e dopo 180 giorni nè la Soprintendenza , nè il Comune danno alcuna risposta?? si può ritenere un silenzio assenso o prevale il parere negativo iniziale della Commissione paesaggio

    Rispondi
  2. Anonimo says:

    Buon giorno, mi pareva dopo i 45 giorni dalla ricezione degli atti e decorsi inutilmente 60 giorni, nella sostanza si aspetta 15 gg per avere avere il silenzio assenso, quindi in ultimo a maggior ragione vale, ma valeva anche prima, il fatto che il parere reso tardivamente resterebbe inefficace, come espressamente previsto dall’art. 2, co. 8-bis l. 241/1990 (introdotto dalla l. 120/2020)- ora il problema è: come mai la Soprintendenza si esprime in ritardo sapendo che il suo provvedimento è inefficace, Nella ipotesi invece che l’Amministrazione ricevente lo faccia proprio motivatamente, rimane sempre al privato la possibilità di fare ricorso –

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows