L’attività cinotecnica amatoriale si può fare in zona agricola?

07 Ago 2013
7 Agosto 2013

Il TAR Veneto dice di si.

IL TAR Veneto, sezione seconda, con l’ordinanza n. 382 dell’1 agosto 2013, infatti, ha respinto la domanda di sospensione cautelare di un permesso di costruire in sanatoria, rilasciato per alcuni manufatti in zona agricola, funzionali all'esercizio dell'attività cinotecnica amatoriale di allevamento di cani di razza rottweiller.

Il TAR, premettendo prudenzialmente che le sue considerazioni si basano su  un primo esame tipico della fase cautelare, così motiva il provvedimento:

-          Ritenuto che (…) l’attività di allevamento sopra citata, non appare raggiungere le dimensioni per poter essere considerata un’attività d’impresa, circostanza quest’ultima che consente di ritenere non applicabile le prescrizioni di cui all’art. 44 L. Reg. 11/2004.”; il riferimento deve intendersi, in particolare, ai commi 1, 2 e 3 dell’art. 44, invocati dal ricorrente per sostenere che la tesi che l’interessato dovesse avere i requisiti di ordine soggettivo (qualifica di imprenditore agricolo) e oggettivo (Piano aziendale) per costruire questo tipo di manufatti;

-          Considerato che la stessa natura amatoriale e non professionale di detta attività è stata confermata anche dall’azienda USLL così come desumibile dall’esame del provvedimento impugnato, circostanza quest’ultima che consente di escludere anche il difetto di istruttoria lamentato dai ricorrenti.”; si ricorda che, ai sensi del combinato disposto dell’art. 2, comma 3, della L. 349/1993 e del DM 28.1.1994, n. 193200, non sono imprenditori agricoli gli allevatori che tengono in allevamento un numero inferiore a cinque fattrici e che annualmente producono un numero di cuccioli inferiore alle trenta unità. Questi parametri numerici sono stati presi in considerazione anche dall’allegato  A alla DGRV 272 del 6.2.2007, che definisce come allevamento di cani e gatti per attività commerciale: la detenzione di cani e gatti, anche ai fini commerciali, in numero pari o superiori a 5 fattrici o 30 cuccioli per anno;

-          Ritenuto che non appare sussistere nemmeno il secondo vizio dedotto dalle parte ricorrenti, in quanto riferito alla natura abusiva della realizzazione di gabbie, pavimentazioni e percorsi, manufatti questi ultimi che, in quanto privi di copertura, appaiono non determinare la creazione di volume.

   Dario Meneguzzo

     ordinanza TAR Veneto 382 del 2013

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows