Un altro decreto legge (n. 133/2014 – cosiddetto sblocca Italia)

16 Set 2014
16 Settembre 2014

DECRETO-LEGGE 12 settembre 2014, n. 133 - Misure urgenti per l'apertura dei cantieri,  la  realizzazione  delle opere pubbliche, la digitalizzazione del  Paese,  la  semplificazione burocratica, l'emergenza del dissesto idrogeologico e per la  ripresa delle attivita' produttive.

(GU n.212 del 12-9-2014)

 Vigente al: 13-9-2014 

Si consiglia, in particolare, la lettura delle seguenti disposizioni:

 Ø  Art. 2 (Semplificazioni procedurali per le infrastrutture strategiche affidate in concessione)

Ø  Art. 4 (Misure di semplificazione per le opere incompiute segnalate dagli Enti Locali)

Ø  Art. 6 (Agevolazioni per la realizzazione di reti di comunicazione elettronica a banda ultralarga e norme di semplificazione per le procedure di scavo e di posa aerea dei cavi, nonché per la realizzazione delle reti di telecomunicazioni mobili)

Ø  Art. 7 (Norme in materia di gestione di risorse idriche. Modifiche urgenti al decreto legislativo 03.04.2006, n. 152, per il superamento delle procedure di infrazione 2014/2059, 2004/2034 e 2009/2034, sentenze C-565-0 del 19.07.2012 e C-85-13 del 10.04.2014; norme di accelerazione degli interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico e per l’adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione degli agglomerati urbani; finanziamento di opere urgenti di sistemazione idraulica dei corsi d’acqua nelle aree metropolitane interessate da fenomeni di esondazione e alluvione)

Ø  Art. 8 (Disciplina semplificata del deposito preliminare alla raccolta e della cessazione della qualifica di rifiuto delle terre e rocce da scavo che non soddisfano i requisiti per la qualifica di sottoprodotto. Disciplina della gestione delle terre e rocce da scavo con presenza di materiali di riporto e delle procedure di bonifica di aree con presenza di materiali di riporto)

Ø  Art. 9 (Interventi di estrema urgenza in materia di vincolo idrogeologico, di normativa antisismica e di messa in sicurezza degli edifici scolastici)

Ø  Art. 13 (Misure a favore dei project bond)

Ø  Art. 14 (Norma overdesign)

Ø  Art. 17 (Semplificazioni ed altre misure in materia edilizia)

Ø  Art. 24 (Misure di agevolazione della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio)

Ø  Art. 25 (Misure urgenti di semplificazione amministrativa e di accelerazione delle procedure in materia di patrimonio culturale)

Ø  Art. 26 (Misure urgenti per la valorizzazione degli immobili demaniali inutilizzati)

Ø  Art. 32 (Misure per la riqualificazione degli esercizi alberghieri)

Ø  Art. 35 (Modifiche al decreto legislativo 12.04.2006, n. 163, per la semplificazione delle procedure in materia di bonifica e messa in sicurezza di siti contaminati. Misure urgenti per la realizzazione di opere lineari realizzate nel corso di attività di messa in sicurezza e di bonifica)

Ø  Art. 36 (Misure urgenti per l’individuazione e la realizzazione di impianti di recupero di energia, dai rifiuti urbani e speciali, costituenti infrastrutture strategiche di preminente interesse nazionale)

DL_133-2014_sblocca-Italia

Tags: , ,
2 replies
  1. Stupefatto says:

    Il Dossier n° 64 – Elementi di valutazione sulla qualità del testo e su specificità, omogeneità e limiti di contenuto del decreto-legge 24 settembre 2014 elaborato dal Servizio Studi – Osservatorio sulla legislazione smonta pezzo per pezzo il testo del Decreto evidenziando le non confomità e le criticità sia dell’impianto frammentario che della violazione delle procedure (Il relativo disegno di legge di conversione non è corredato della relazione sull’analisi
    tecnico-normativa (ATN); manca altresì la relazione sull’analisi di impatto della
    regolamentazione (AIR).
    Per leggere l’intero documento cliccare sul seguente link:
    http://documenti.camera.it/apps/commonServices/getDocumento.ashx?idLegislatura=17&sezione=lavori&tipoDoc=dossier&codice=17/ST/PDF/CL064

    Rispondi
  2. Castigamatti says:

    Richiamo l’attenzione sull’art. 17, comma 2, del d.l. n. 133/2014: “Le espressioni «denuncia di inizio attività» ovunque ricorra nel decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001, n. 380, ad eccezione degli articoli 22, 23 e 24, comma 3, è sostituita dalla seguente: «segnalazione certificata di inizio attività».”.
    Così disponendo il legislatore finisce con l’incidere però anche sulle norme che prevedono le sanzioni per la SuperDIA, che non è stata sostituita dalla SCIA: mi riferisco, in particolare, agli artt. 33 (comma 6-bis), 34 (comma 2-bis), 35 (comma 1), 36 (comma 1), 38 (comma 2-bis), 39 (comma 5-bis), 40 (comma 4-bis), 44 (comma 2-bis), 46 (comma 5-bis) e 48 (comma 3-bis).
    Speriamo che in sede di conversione pongano rimedio alla svista, altrimenti è necessario ricorrere all’interpretazione sistematica.
    È interessante chiedersi, poi, in che rapporto si pone il nuovo comma 2-bis dell’art. 22 T.U. rispetto al comma 2 del medesimo articolo, che mi sembra “ricompreso” nella nuova norma introdotta dallo sblocca-Italia; inoltre: la s.c.i.a. prevista da questo comma può essere presentata solo prima dell’esecuzione dei lavori o anche in via postuma come è possibile fare con quella del secondo comma? Propendo per la prima soluzione.
    Segnalo, infine, che dalla versione finale del decreto è sparita una norma interessante, che vi era nella bozza che girava il 29 agosto u.s. e che consentiva di concordare con l’Ufficio Tecnico gli interventi da porre in essere per conformare un manufatto abusivo alla normativa vigente e per ottenere la sanatoria delle opere così ripristinate.
    Sono state eliminate, per fortuna, anche le norme che ponevano un limite temporale all’esercizio del potere di autotutela e dettavano una disciplina particolare per l’autotutela in materia di s.c.i.a.: avrebbero creato notevoli problemi sul piano sistematico.
    Ora è da vedere quali sorprese ci riserverà l’iter di conversione…

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows