C’è chi ama i “casoti da cacia” e chi no

22 Ago 2013
22 agosto 2013

La Regione Veneto evidentemente ama i casoti  (o, più probabilmente, gli elettori che li costruiscono).

Con la sentenza n. 139 del 13 giugno 2013, la Corte costituzionale ha dichiarato la illegittimità costituzionale della legge regionale del Veneto n. 25 del 6 luglio 2012 nelle parti in cui esenta gli appostamenti per la caccia (capanni, altane) dall’ottenimento dell’autorizzazione paesaggistica (decreto legislativo n. 42/2004 e s.m.i.) e dal titolo abilitativo urbanistico-edilizio (D.P.R. n. 380/2001 e s.m.i.).

La Regione Veneto, per ovviare alla sentenza della Corte, con la deliberazione della Giunta n. 1393 del 30 luglio 2013 ha disposto che “gli appostamenti di caccia in assenza di titolo abilitativo edilizio non possono essere allestiti prima del 1.08.2013 e devono essere rimossi entro e non oltre il 28.02.2014”.

Segnaliamo che la deliberazione nulla dice sulla autorizzazione paesaggistica: insomma essa sembra un pasticcio giuridico.

Molto critica è stata la presa di posizione della associazione ecologista Gruppo d'Intervento Giuridico Onlus, che ha inviato un esposto alle Procure  della Repubblica, come si può leggere nel sito sotto indicato:

htpp://gruppodinterventogiuridicoweb.wordpress.com/2013/08/17/la-giunta-regionale-del-veneto-se-ne-frega-della-corte-costituzionale-per-favorire-i-cacciatori/#more-7787

Dario Meneguzzo

dgr_appostamenti_fissi_caccia-29-7-2013

Tags: , , ,
5 replies
  1. Daniele says:

    Pongo questo elemento di discussione.

    Fatta salva la definizione di struttura mobile, chioschi e simili, il D.P.R. 139/2010 (procedura semplificata BB.AA) al punto 38 dell’allegato 1 stabilisce che vengono trattati con procedura semplificata le occupazioni temporanee di suolo con strutture mobili per un periodo superiore a 120 giorni. Detto ciò se le strutture mobili rimangono per un periodo inferiore a 120 giorni mi sembra si possa dire non siano assoggettate ad autorizzazione BBAA.
    Se quindi i regolamenti comunali definiscono in maniera chiara cosa si intende per struttura mobile ricomprendendo i “casoti da cacia” forse ma forse almeno per 119 giorni possono essere mantenuti senza autorizzazione BB.AA.

    Altro elemento; e con il vincolo idrogeologico-forestale come la mettiamo?

    Alla Regione l’ardua sentenza (o al giudice).

    Rispondi
    • archiama says:

      il DPR 139 precisa quali interventi sono assogettati ad autorizzazione paesaggsitica e non quelli che ne sono esenti, tale precisazione viene rimandata all’art. 149 del Dlgs 41/2004 che indica quali interventi non sono soggetti ad autorizzazione, e che si possono riassumere in interventi di lieve entità che non alterano lo stato dei luoghi ecc… Di fatto il punto 38 dell’allegato A del Dpr 139/2010 potrebbe anche essere interpretato al contrario , con l’assoggettamento a procedura orodinaria delle strutture mobili che rimangono per un periodo inferiore a 120 gg ! Meglio sarebbe interpellare la Soprintedenza ….

      f.to il “solito” tecnico comunale che si trova la fila di cacciatori allo sportello con “casotti” in aree vincolate …

      Rispondi
  2. Dario Meneguzzo says:

    Si, è così: però la delibera è scritta in modo tale che potrebbe indurre in errore e far scordare che serve l’autorizzazione paesaggistica.

    Rispondi
    • Enrico says:

      Consiglierei alle associazioni venatorie di informare i loro associati che i capanni, in zone soggette a vincolo, non si possono fare senza autorizzazione paesaggistica.

      Rispondi
  3. Enrico says:

    MI pare che la delibera non dica niente di nuovo in fatto di autorizzazione paesaggistica, visto che con “E’ fatto salvo ogni altro adempimento e/o autorizzazione ai sensi di legge” non esonera l’ottenimento dell’autorizzazione paesagistica per i capanni realizzati in zone sottoposte a vincolo.

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows