Arrivano al pettine i nodi del piano casa: il TAR Veneto chiarisce che non deroga alla distanza dai confini

24 Ott 2016
24 Ottobre 2016

Il TAR Veneto. in una recentissima sentenza, rimeditando il suo precedente orientamento in materia di piano casa e deroga alla distanza dai confini, preso atto che nella legge sul piano casa del Veneto non vi è una norma che espressamente ammetta una deroga alle distanze previste dagli strumenti urbanistici, conclude che il piano casa del Veneto non può derogare alla distanze dai confini.

Nello stesso senso si vedano alcune note dell'avv. Stefano Bigolaro e del sottoscritto, pubblicate nel corso del tempo su Venetoius: 

http://venetoius.myblog.it/2010/10/22/secondo-il-tar-il-piano-casa-del-veneto-consente-di-derogare/

http://italiaius.it/piano-casa/appunti-in-vista-del-terzo-piano-casa

http://italiaius.it/piano-casa/i-piani-comunali-resistono-un-po-di-piu-al-piano-casa-dopo-la-sentenza-del-tar-veneto-13292015

Post di Dario Meneguzzo - avvocato 

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

Tags: , ,
3 replies
  1. Fiorenza Dal Zotto says:

    Quando abbiamo fatto il primo convegno sul nuovo piano casa regionale a Spinea, abbiamo subito intravisto , nel primo comma dell’articolo 6 la possibile soluzione a tutta una serie di problemi che sarebbero derivati dalle deroghe “ampie” a tutte le norme dei prg (parcheggi, impermeabilità suoli, caratteristiche alloggi e loro metrature, modalità di accesso ai lotti, ecc.). Ricordo l’intervento di Eleonora Marcandoro proprio sul punto, nella consueta riunione con i relatori preparatoria al convegno. Poi con arch. Berto, avv. Bigolaro, avv. Barel, avv. Veronese, avv. Chinello, avv. Marcandoro si era proposto di interpretare l’articolo 6 proprio nel senso ora indicato dal Tar Veneto! Peccato che quella sollecitazione non sia stata allora colta dalla regione nella circolare esplicativa. Ora molti danni sono stati fatti e sono ancora in corso. A vederla positivamente, possiamo dire che almeno potremo limitare quelli futuri. Una magra consolazione.

    Rispondi
  2. Daniele Iselle says:

    Non ho parole. Non mi resta che aggrapparmi ad un aforisma di Immanuel Kant: “L’intelligenza di un individuo si misura dalla qualità d’incertezze che è capace di sopportare.”

    Rispondi
  3. stefano bigolaro says:

    Due sole osservazioni: in ritardo, ma ne valeva la pena.
    E’ un mutamento giurisprudenziale dovuto non a un giudice d’appello che smentisce quello di primo grado, ma a un ripensamento indotto dalla “dottrina”, come espressamente riconosce la sentenza.
    Insomma, è un omaggio alle idee che esprimiamo e al fatto che è bene esprimerle.
    Contribuiamo a formare l’ordinamento al pari del legislatore e dei giudici, direbbe Ivone Cacciavillani. O, se vuoi, a volte sembra di non essere inutili.
    Ciao Dario, complimenti per il sito, che come vedi svolge un ruolo importante.

    Rispondi

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows