Il TAR boccia il Piano di Gestione rifiuti del Veneto

23 Giu 2016
23 Giugno 2016

 Il T.A.R. Veneto ha annullato la deliberazione del Consiglio Regionale del Veneto n. 30 del 29.04.2015, pubblicata sul B.U.R. n. 55 dell'1.6.2015, di approvazione del Piano di Gestione dei Rifiuti Urbani e Speciali, anche non pericolosi della Regione Veneto, laddove prescrive che gli impianti di digestione aerobica ed anaerobica di matrici organiche devono stare ad una distanza minima di m. 500 dagli edifici pubblici e dalle abitazioni.

 Il Collegio, nello specifico, adduce sia vizi formali (il Consiglio regionale ha approvato questo atto in regime di proprogatio senza i presupposti dell’urgenza e dell’indifferibilità) sia motivi sostanziali (illogicità della scelta di raddoppiare la distanza minima di 250 metri prevista in origine).

 di Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

 

 

 Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

 

 

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows