Una volta scaduto il termine per inibire una SCIA, quali presupposti deve dimostrare il Comune per annullarla?

04 Feb 2015
4 Febbraio 2015

Il TAR ha ritenuto illegittimo l'annullamento di una SCIA effettuato dal Comune dopo che era scaduto il termine per inibirla. La sentenza precisa che il Comune non ha dimostrato " l’esistenza dei sopravvenuti motivi di interesse pubblico, ovvero i mutamenti della situazione di fatto o, ancora, quelle nuove valutazioni dell’interesse pubblico originario tali da giustificare la revoca della Scia, ai sensi dell’art. 21 quinquies, disposizione quest’ultima richiamata proprio dal provvedimento impugnato.

In particolare non è stato possibile comprendere, al di là delle affermazioni di principio, quale circostanza di fatto o di diritto consenta di dimostrare l’esistenza di un effettivo mutamento della situazione di fatto e, ciò, rispetto alle circostanze esistenti al momento di consolidamento della sopra citata Scia".

Questo contenuto è accessibile solo agli abbonati. Se sei abbonato, procedi con il login. Se vuoi abbonarti, clicca su "Come registrarsi" sulla colonna azzurra a destra

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows