In materia di contributo concessorio quali atti hanno natura di regolamento e quali di atti paritetici: conseguenze

14 Nov 2014
14 Novembre 2014

Il TAR Umbria precisa che, in materia di contributo di concessione, mentre hanno natura regolamentare i provvedimenti previsti dagli artt. 5 comma 1, e 6 della legge n. 10 del 1977 (ora D.P.R. 380/2001), con i quali le Regioni e i Consigli comunali stabiliscono i criteri generali per la determinazione del contributo, hanno, invece, natura di atti paritetici tutti i restanti atti con i quali, in applicazione dei criteri legislativi e regolamentari stabiliti, il Comune quantifica le somme dovute e le pone a carico del titolare della concessione, sia a titolo di oblazione che a titolo di contributo. La distinzione incide sul regime delle impugnazioni, anche se entrambe le categorie sono soggette alla giurisdizione del giudice amministrativo. In particolare, gli atti paritetici riguardano diritti soggettivi, soggetti alla giurisdizione esclusiva, nel termine di prescrizione decennale e non in quello di decadenza di 60 giorni, con l'azione di accertamento e non con quella impugnatoria.

Si legge nella sentenza n. 514 del 2014: "3. In limine litis, ritiene il Collegio di dover richiamare il consolidato orientamento giurisprudenziale secondo cui le controversie inerenti in generale la contestazione degli oneri di urbanizzazione, qualora non vengano dedotte censure derivanti da atti generali autoritativi di  determinazione degli oneri presupposti di quello impugnato, attengono a posizioni di diritto soggettivo azionabili inanzi al g.a. in sede di giurisdizione esclusiva nel termine di prescrizione, e a prescindere dall’impugnazione del relativo atto di imposizione (ex multis Consiglio di Stato sez V, 27 settembre 2004, n.6281, id. sez. V, 9 febbraio 2001, n.584, id. sez V, 21 aprile 2006, n.2258; C.G.A.S. 2 marzo 2007, n.64).

In materia di determinazione dell'entit√† dell'oblazione e del contributo¬†commisurato agli oneri di urbanizzazione e al costo di costruzione delle¬†opere formanti oggetto di concessione edilizia in sanatoria ai sensi¬†dell'art. 35 della l. 28 febbraio 1985 n. 47, mentre hanno natura¬†regolamentare i provvedimenti previsti dagli artt. 5 comma 1, e 6 della¬†legge n. 10 del 1977, con i quali le Regioni e i Consigli comunali¬†stabiliscono i criteri generali per la determinazione del contributo,¬†hanno, invece, natura di atti paritetici tutti i restanti atti con i quali, in¬†applicazione dei criteri legislativi e regolamentari stabiliti, il Sindaco¬†quantifica le somme dovute e le pone a carico del titolare della¬†concessione, sia a titolo di oblazione che a titolo di contributo: infatti,¬†‚Äúove si eccettuino le impugnative degli atti regolamentari recanti i criteri¬†generali suindicati‚ÄĚ, tutte le altre controversie relative all' an e al quantum¬†delle somme dovute a tali titoli, riservate dalla legge alla giurisdizione¬†esclusiva del giudice amministrativo, riguardano diritti soggettivi delle¬†parti in relazione ai quali l'Amministrazione √® sfornita di potest√†¬†autoritativa, dovendo compiere un'attivit√† di mero accertamento in base¬†ai parametri normativi prefissati (in questi esatti termini Consiglio di¬†Stato sez V, 22 novembre 1996, n.1388; vedi anche T.A.R. Campania -¬†Napoli sez III, 17 settembre 2009, n.4983; T.A.R. Lazio - Roma sez II, ¬†15 novembre 2006, n.12461; T.A.R. Puglia - Lecce sez III, 13 maggio¬†2005, n.2744).

D‚Äôaltronde osserva il Collegio come tale consolidato orientamento trovi¬†oggi indiretta conferma dallo stesso art 1 comma 1-ter della legge¬†241/90 come novellato dalla L.15/2005 a mente del quale ‚Äúla PA¬†nell‚Äôadozione di atti di natura non autoritativa, agisce secondo le norme di diritto¬†privato salvo che la legge disponga diversamente‚ÄĚ.

Ne consegue, pertanto, il diritto per i soggetti interessati di contestare,¬†mediante azione di accertamento, l‚Äôerroneit√† della quantificazione¬†operata dall‚ÄôAmministrazione secondo i criteri fissati in via normativa o¬†regolamentare, indipendentemente dalla rituale impugnazione degli atti¬†‚Äúimpositivi‚ÄĚ emanati, i quali si risolvono in definitiva in mere operazioni¬†materiali (T.A.R. Campania Napoli sez III, 17 settembre 2009, n.4983)¬†o di calcolo".

Dario Meneguzzo - avvocato

sentenza TAR Umbria 514 del 2014

Tags: , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito √® gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica √® affidata all‚Äôavv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows