Economia Circolare: Il parlamento europeo ha approvato 4 direttive sui rifiuti, un regolamento sul biologico ed elaborazioni in materia ambientale

22 Giu 2018
22 giugno 2018

Regolamento (UE) 2018/848 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, relativo alla produzione biologica e all’etichettatura dei prodotti biologici e che abroga il regolamento (CE) n. 834/2007 del Consiglio

Direttiva (UE) 2018/849 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica le direttive 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori uso, 2006/66/CE relativa a pile e accumulatori e ai rifiuti di pile e accumulatori e 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche 

Direttiva (UE) 2018/850 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica la direttiva 1999/31/CE relativa alle discariche di rifiuti 

Direttiva (UE) 2018/851 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica la direttiva 2008/98/CE relativa ai rifiuti )

Direttiva (UE) 2018/852 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, che modifica la direttiva 94/62/CE sugli imballaggi e i rifiuti di imballaggio 

Decisione (UE) 2018/853 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 maggio 2018, recante modifica del regolamento (UE) n. 1257/2013 e delle direttive 94/63/CE e 2009/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e delle direttive 86/278/CEE e 87/217/CEE del Consiglio per quanto riguarda le norme procedurali in materia di elaborazione delle relazioni in materia ambientale e che abroga la direttiva 91/692/CEE del Consiglio

Post di Daniele Iselle - funzionario comunale

Responsabilità del mediatore nell’ipotesi di immobili non conformi alle discipline urbanistiche

22 Giu 2018
22 giugno 2018

La dottoressa Alessandra Piola, che sentitamente ringraziamo, ci invia la nota che pubblichiamo sulla responsabilità del mediatore nell’ipotesi di immobili non conformi alle discipline urbanistiche.

Read more

Sulla valutazione delle offerte

22 Giu 2018
22 giugno 2018

Il T.A.R. ricorda come devono essere valutate le offerte

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Opere abusive realizzate in aree sottoposte a vincolo: quali sono gli interventi sanabili?

21 Giu 2018
21 giugno 2018

Il Tar Lazio – Roma, confermando l’orientamento giurisprudenziale dominante, ha chiarito che il condono edilizio di opere abusivamente realizzate in aree sottoposte a specifici vincoli è applicabile esclusivamente agli interventi di minore rilevanza indicati ai numeri 4, 5 e 6 dell'allegato 1 della legge n. 326 del 2003 (restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria), previo parere favorevole dell'Autorità preposta alla tutela del vincolo.

Invece, non sono in alcun modo suscettibili di sanatoria le opere abusive di cui ai numeri 1, 2 e 3 del medesimo allegato (opere realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo, interventi di ristrutturazione edilizia in assenza o in difformità dal titolo edilizio), anche se l'area è sottoposta a vincolo di inedificabilità relativa e gli interventi risultano conformi alle norme urbanistiche e alle prescrizioni degli strumenti urbanistici.

Post di Erica Cunico – dottoressa in giurisprudenza

Read more

Assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei Comuni e delle Province e obbligatorietà del ricorso all’arbitrato

21 Giu 2018
21 giugno 2018

Con la sentenza in commento la Consulta ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 24, cc. 7 e 8 del R.D. n. 2578/1925 (Approvazione del testo unico della legge sull’assunzione diretta dei pubblici servizi da parte dei comuni e delle province), nella parte in cui demanda ad un collegio arbitrale la determinazione dell’ammontare dell’indennità di riscatto degli impianti per l’esercizio dei servizi pubblici locali, precludendo il ricorso all’autorità giudiziaria ordinaria.

In particolare, secondo la Corte Costituzionale, la fonte dell’arbitrato non può essere individuata in una legge ordinaria o in una volontà autoritativa perché solo la scelta dei soggetti può derogare al precetto contenuto nell’art. 102, c. 1, Cost.

Ciò corrisponde anche alla garanzia costituzionale dell’autonomia delle parti garantita dall’art. 24, c. 1 della Costituzione.

In conclusione, viene dichiarata l’illegittimità costituzionale dell’art. 24, cc. 7 e 8, del R.D. n. 2578/1925, nella parte in cui non riconosce il diritto di ciascun soggetto di adire l’autorità giudiziaria ordinaria, in caso di mancato accordo sulla determinazione dell’indennità di riscatto degli impianti afferenti l’esercizio dei servizi pubblici.

Post di Erica Cunico – dottoressa in giurisprudenza

Read more

Il Comune non ha l’obbligo di rispondere all’istanze di annullamento in autotutela

21 Giu 2018
21 giugno 2018

Il T.A.R. conferma che non sussiste l’obbligo per la P.A. di rispondere alle richieste di annullamento d’ufficio di atti e/o provvedimenti amministrativi.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

È illegittima la sottoposizione della costruzione di un impianto alimentato da fonti rinnovabili ad un contributo meramente patrimoniale

20 Giu 2018
20 giugno 2018

Il TAR Torino si è recentemente occupato della questione relativa ai contributi patrimoniali stabiliti dai Comuni nei confronti delle imprese che vogliano stabilire sul loro territorio degli impianti alimentati da fonti rinnovabili. Il caso riguardava un’impresa che, pur di ottenere il permesso di costruire l’impianto, aveva pagato un contributo patrimoniale, per il quale poi aveva chiesto la ripetizione dell’indebito.

Il giudice amministrativo ha ribadito in merito che, alla luce delle pronunce della Corte Costituzionale e del d.m. 10 settembre 2010, le Amministrazioni possono stabilire misure di compensazione, nei confronti delle imprese, di natura ambientale o territoriale; ciò che invece non possono adottare sono misure meramente patrimoniali o economiche. Una misura patrimoniale, infatti, costituirebbe elusione del divieto di imporre il pagamento dei contributi di costruzione alle imprese che vogliano costruire impianti ad energia rinnovabile.

Post di Alessandra Piola – dottoressa in Giurisprudenza

Read more

La gestione dei rifiuti, tra privativa comunale e soggezione alla pianificazione degli Enti territoriali

20 Giu 2018
20 giugno 2018

Il TAR Catania ha affermato che, ai sensi del Codice dell’ambiente (d.lgs. 152/2006), il regime di privativa comunale nella gestione dei rifiuti si applica solo nei confronti dei rifiuti urbani ed assimilati avviati allo smaltimento. Nel caso di specie, perciò, è stata esclusa la privativa per l’attività di raccolta in eco-conferitori di plastiche domestiche destinate al recupero.

Tuttavia, il TAR ha aggiunto che il recupero dei rifiuti rimane un’attività di pubblico interesse, nonostante l’apertura al mercato, come tale sottoposta alle competenze programmatorie e pianificatorie regionali, provinciali e comunali. Perciò, è necessario un preciso accordo giuridicamente vincolante tra impresa privata e Comune, affinché la prima possa legittimamente esercitare l’attività sopra descritta.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Read more

Reati estinti: occorre una dichiarazione giudiziale

20 Giu 2018
20 giugno 2018

Il T.A.R. Milano afferma la necessità della dichiarazione del Giudice penale di estinzione del reato per poter legittimamente partecipare alle gare pubbliche, non essendo sufficiente la mera decorrenza del tempo.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Realizzazione di un deposito a cielo aperto: sono dovuti gli oneri di urbanizzazione?

19 Giu 2018
19 giugno 2018

A integrazione del post del 4 giugno 2018, la dottoressa Erica Cunico, che sentitamente ringraziamo, ci invia la nota che pubblichiamo.

Read more

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows