Scelte urbanistiche ed onere motivazionale

22 Set 2018
22 settembre 2018

Il T.A.R. ricorda che, se da un lato, le scelte urbanistiche sono dotate di ampia discrezionalità amministrativa e non richiedono puntuale motivazione, dall’altro lato, esse necessitano di un onere motivazionale più in inciso laddove vi è un c.d. affidamento qualificato del privato.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Interventi in zona sismica e denuncia

21 Set 2018
21 settembre 2018

La Cassazione ha chiarito che, ai sensi dell’art. 65 del T.U. edilizia, in zona sismica occorre sempre denunciare al competente ufficio la pratica edilizia anche se non si realizzano opere in cemento armato; l’unica eccezione concerne le opere di manutenzione ordinaria.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

La decadenza del titolo edilizio va dichiarata dall’ente

21 Set 2018
21 settembre 2018

Il T.A.R. Brescia aderisce alla giurisprudenza maggioritaria secondo cui la decadenza del titolo edilizio non si produce ex se, ma necessità di una pronuncia dichiarativa dell’ente.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

I termini perentori nei procedimenti di VIA e AIA

20 Set 2018
20 settembre 2018

Il TAR Catania offre una ricognizione dei termini vigenti per i procedimenti di VIA e AIA, ai sensi del Codice dell’ambiente (d.lgs. 152/2006), chiarendo la loro natura perentoria.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Read more

A chi spetta la bonifica dei suoli inquinati dai rifiuti?

20 Set 2018
20 settembre 2018

Il TAR Catania ha chiarito che il Codice dell’ambiente (d.lgs. 152/2006) prevede due distinte fattispecie di inquinamento da rifiuti: 1) “l’evento che sia potenzialmente in grado di contaminare il sito”, regolato dagli artt. 242 ss.; 2) “l'abbandono e il deposito incontrollati di rifiuti sul suolo e nel suolo”, regolato dall’art. 192.

Il TAR ha proseguito, affermando che la bonifica dei suoli ex art. 192 cod. amb. spetta al responsabile dell'abbandono o del deposito dei rifiuti; ovvero, in via solidale, al proprietario o a chi abbia a qualunque titolo la disponibilità dell’area, purché siano in situazione di dolo o colpa rispetto all’illecito amministrativo.

Non è quindi configurabile una responsabilità oggettiva dell’attuale proprietario o detentore del fondo inquinato, né del curatore fallimentare.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Read more

Quale titolo serve per chiudere una veranda in un condominio?

20 Set 2018
20 settembre 2018

Il T.A.R. Napoli afferma che il condomino che vuole trasformare una veranda in un balcone deve munirsi del PdC per poter fare questo intervento edilizio, essendo qualificabile come “nuova costruzione” e non come opera pertinenziale.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

Quando il verde pubblico è un vincolo conformativo?

19 Set 2018
19 settembre 2018

Il T.A.R. ricorda che la destinazione urbanistica “verde pubblico” comporta un vincolo conformativo e non sostanzialmente espropriativo se gli interventi sono realizzabili anche da parte dei privati.

Post di Matteo Acquasaliente - avvocato

Read more

La P.A. deve pagare l’equo compenso agli avvocati applicando i parametri del decreto 55/2014

19 Set 2018
19 settembre 2018

Segnaliamo che sul giornale Il Dubbio di martedì 18 settembre 2018 è stato pubblicato un articolo dell'avv. Stefano Bigolaro, dal titolo: "Ecco perchè l'equo compenso impone anche alla P.A. il rispetto dei parametri".

L'articolo cita le disposizioni di legge che impongono alla P.A. di rispettare il principio dell'equo compenso nei rapporti con gli avvocati (ma anche con gli altri professionisti) e sostiene che questo risultato si ottiene applicando i parametri del decreto 55/2014

http://ildubbiopush.ita.newsmemory.com/?token=b9b57dd6a04cfee3de6052ffb71e5551_5ba02796_2fe1_133efb6&selDate=20180918&promo=push&utm_medium=Email&utm_campaign=ildubbio-E-Editions&utm_source=ildubbio&utm_content=Read-Button

Autorizzazione dei miglioramenti fondiari con asporto e utilizzazione del materiale di risulta industrialmente utilizzabile

19 Set 2018
19 settembre 2018

Segnaliamo che è stata pubblicata sul B.U.R. del Veneto la Deliberazione della Giunta regionale n. 1300 del 10 settembre 2018, contenente  Disposizioni attuative per le procedure di autorizzazione dei miglioramenti fondiari, con asporto e utilizzazione del materiale di risulta industrialmente utilizzabile, inferiore a 5.000 metri cubi per ettaro. Art. 3, comma 2, della Legge regionale 16 marzo 2018, n. 13"Norme per la disciplina dell'attività di cava".

Il provvedimentocontiene le linee guida generali per la procedura di autorizzazione dei miglioramenti fondiari con asporto e utilizzazione del materiale di risulta industrialmente utilizzabile, inferiore a 5.000 metri cubi per ettaro, nonché le modalità operative per la presentazione delle relative domande definendo, altresì, le fasi dell’iter istruttorio di competenza degli  Sportelli Unici Agricoli di AVEPA e della Direzione Agroambiente Caccia e Pesca.

Post di Daniele Iselle - funzionario comunale

DGRV 1300 del 2018

Il fallimento non è obbligato alla bonifica dei suoli inquinati dai rifiuti

19 Set 2018
19 settembre 2018

Il TAR Catania enuclea una pluralità di motivi, per i quali un fallimento, nella persona del curatore fallimentare, non può diventare soggetto obbligato alla bonifica dei suoli inquinati dai rifiuti (anche di amianto):

  • Il curatore non ha obbligo alcuno di garantire la tutela sanitaria degli immobili affidatigli;
  • Il principio “chi inquina paga” vieta di porre l’obbligo di bonifica in capo al curatore e, con ciò, scaricarne i costi sui creditori incolpevoli;
  • Il fallimento attua lo spossessamento, non l’ablazione, delle proprietà della società fallita, la quale peraltro mantiene la propria soggettività giuridica;
  • Il fallimento non attua un fenomeno di successione o subentro nelle situazioni giuridiche soggettive ai sensi del d.lgs. 231/2001, perciò non può divenire legittimato passivo dell’ordinanza sindacale di bonifica;
  • Il munus pubblico del curatore fallimentare consiste nella gestione dei beni del fallito, ai fini della liquidazione del suo patrimonio e della soddisfazione dei creditori, non anche nella rimozione degli illeciti amministrativi commessi dal fallito stesso;
  • Il curatore fallimentare non può essere considerato ‘detentore dei rifiuti’, ai sensi della normativa europea.

Post di Alberto Antico – dottore in giurisprudenza

Read more

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows