Prorogato il piano faunistico-venatorio del Veneto

25 Set 2013
25 Settembre 2013

 Il Piano Faunistico Venatorio è il più importante strumento di programmazione e pianificazione in materia di gestione del territorio a fini faunistici. In Italia la pianificazione faunistico-venatoria viene attuata, in accordo con la Legge  157/92, attraverso la realizzazione e l’applicazione dei Piani Faunistico-Venatori (P.F.V.)  demandati alle Regioni e alle Province per il territorio di propria competenza.
Il Piano faunistico venatorio regionale del VENETO, sulla base dei criteri dettati dall'art. 10 della Legge 157/92, è approvato dal Consiglio regionale su proposta della Giunta regionale ed ha validità di cinque anni, come previsto dall'art. 8 della Legge regionale 9 dicembre 1993, n. 50. Il Piano, corredato dalla relativa cartografia e dal regolamento di attuazione, ha i seguenti contenuti e finalità:
-attuazione della pianificazione faunistico venatoria mediante il coordinamento dei Piani provinciali (adeguato, ove necessario, ai fini della tutela degli interessi ambientali e di ogni altro interesse regionale);
-criteri per l'individuazione dei territori da destinare alla costituzione delle Aziende faunistico venatorie, delle Aziende agri-turistico-venatorie e dei Centri privati di riproduzione della fauna selvatica allo stato naturale;
-schema di Statuto degli Ambiti territoriali di caccia;
-   indice di densità venatoria minima e massima per gli Ambiti territoriali di caccia;
-  modalità di prima costituzione dei Comitati direttivi degli Ambiti territoriali di caccia e dei Comprensori alpini, loro durata, norme relative alla loro prima elezione e rinnovo;
-criteri e modalità per l'utilizzazione del fondo regionale per la prevenzione ed i danni prodotti dalla fauna selvatica e nell'esercizio dell'attività venatoria, previsto dall'art. 28 della L.R. 50/93;
-  disciplina dell'attività venatoria nel territorio lagunare vallivo;
-criteri per l'assegnazione del contributo ai proprietari e conduttori di fondi rustici ai fini dell'utilizzo degli stessi nella gestione programmata della caccia, di cui al comma 1 dell'art. 15 della Legge 157/92.
Il Piano faunistico venatorio regionale è stato approvato con Legge Regionale n. 1 del 5.1.2007 (BUR n. 4 del 9.1.2007), modificata dall'ultima DGR n. 2463 del 4/08/2009, avente ad oggetto il periodo 2007/2012  ed avente validità quinquennale. Con la Legge Regionale n. 1 del 1.2.2013  la validità del Piano Faunistico venatorio regionale è stata rideterminata al 30.9.2013.
Il 18 settembre 2013, è stato approvato il “: Progetto di legge n. 376 - Rideterminazione del termine di validità del piano faunistico-venatorio regionale approvato con legge regionale 5 gennaio 2007, n. 1” . Nella relazione si legge: “Con leggi regionali 24 febbraio 2012, n. 8 e 1° febbraio 2013, h. 1 il Consìglio regionale ha disposto rideterminazioni dei termini di validità del piano faunistico venatorio regionale 2007-2012 approvato con legge regionale 1/2007, aggiornando il termine di validità di cui trattasi sino al 30 settembre 2013. Dette proroghe dì validità si rendevano necessarie in relazione alle incombenze connesse ali 'espletamento della procedura dì valutazione ambientale strategica (VAS) applicata al PFVR ed ai correlati piani faunistìco-venatorì provinciali, secondo un articolato ed innovativo approccio metodologico in grado di affrontare contestualmente, nell'ambito di detto procedimento valutativo, a due livelli di pianificazione faunìstico-venatoria che in tal modo trovavano finalmente composizione funzionale a fronte di una incerta definizione dei rapporti di interdipendenza, così come appare dalla lettura degli articoli 8 e 9 della legge regionale 50/1993”. L'articolo 1, del progetto di legge approvato, stabilisce che la validità del piano vigente è prorogata al 10 febbraio 2014.
Dopo un complesso lavoro di preparazione e coordinamento avviato, con la sottoscrizione di uno specifico protocollo d'intesa, a giugno 2011, la Regione e le Province del Veneto sono pervenute all'adozione delle rispettive proposte di Piano faunistico-venatorio per il periodo 2014-2019. Detti Piani faunistico-venatori propongono, ognuno per le parti di propria competenza, gli elementi di pianificazione territoriale, di programmazione e regolamentazione delle attività venatorie e di gestione ambientale e della fauna sulla base di obiettivi strategici ambientali e gestionali condivisi.
L'insieme dei Piani costituisce un assetto complessivo che, per la prima volta, viene presentato ai portatori di interesse e al pubblico generico prima della loro formale approvazione, secondo quanto previsto dalla procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS).
Sul punto seguirà una nota sulle proposte relative alla Provincia di Vicenza.

dott.sa Giada Scuccato

Tags: , , ,
0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

© Copyright - Italia ius | Diritto Amministrativo Italiano - mail: info@italiaius.it - Questo sito è gestito da Cosmo Giuridico Veneto s.a.s. di Marangon Ivonne, con sede in via Centro 80, fraz. Priabona 36030 Monte di Malo (VI) - P. IVA 03775960242 - PEC: cosmogiuridicoveneto@legalmail.it - la direzione scientifica è affidata all’avv. Dario Meneguzzo, con studio in Malo (VI), via Gorizia 18 - telefono: 0445 580558 - Provider: GoDaddy Operating Company, LLC

Hit Counter provided by Los Angeles Windows